Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Molti pazienti hanno ceppi resistenti ai farmaci

Andare in basso

Molti pazienti hanno ceppi resistenti ai farmaci Empty Molti pazienti hanno ceppi resistenti ai farmaci

Messaggio Da Gex Lun 28 Feb - 21:01

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Molti pazienti HIV + hanno ceppi resistenti ai farmaci.

Uno Studio ha accertato che questi avevano tre volte in più la probabilità di fallire il trattamento.



LUNEDI, Feb. 28 (notizie di HealthDay) - Un nuovo studio stima che tra il 10 per cento e 15 per cento dei pazienti affetti da HIV in Europa e negli Stati Uniti sono infettati con una forma di HIV che ha già almeno una mutazione farmaco-resistenti.

I ricercatori hanno trovato che il rischio di fallimento della terapia in questi pazienti è tre volte superiore al normale, e disse loro scoperte confermano la necessità di test di resistenza di droga in nuovi pazienti per determinare quali farmaci antiretrovirali hanno più probabilità di avere successo.

Per lo studio, 10.056 pazienti affetti da HIV che sono stati l'inizio della terapia antiretrovirale di combinazione (CART) per la prima volta sono stati suddivisi in tre categorie di resistenza: il 90,5 per cento (9.102 pazienti) non ha trasmesso farmaco-resistenza (TDR), 4,7 per cento (475 pazienti) aveva almeno una mutazione e stavano ricevendo completamente cART attiva; 4,8 per cento (479 pazienti) ha avuto almeno una mutazione ed erano resistenti ad almeno un farmaco prescritto.

Rispetto ai pazienti senza TDR, quelli con TDR e la resistenza ad almeno un farmaco prescritto erano più di tre volte più probabilità di fallimento del trattamento di esperienza, che conferma "la necessità di almeno tre farmaci antiretrovirali completamente attiva per ottimizzare la risposta virologica al"primo regime di linea ", hanno scritto i ricercatori.

Ma il rischio di fallimento del trattamento non era significativamente differente tra i pazienti senza TDR e quelli con TDR tenendo un regime cART pienamente attiva contenenti farmaci non compromessa dalla resistenza.

I ricercatori hanno anche scoperto che il fallimento della terapia è stata maggiore tra i pazienti con TDR che stavano assumendo gli inibitori della trascrittasi inversa due nucleotidi (NRTI) più un inibitore non-nucleotidici della trascrittasi inversa (NNRTI) e sono stati previsti per essere completamente su un trattamento attivo, rispetto ai pazienti trattati inibitore della proteasi regimi a base quali il rischio di fallimento del trattamento era simile a pazienti senza TDR.

"Se le mutazioni resistenti ai farmaci vengono rilevati prima di iniziare il trattamento, un potenziato con ritonavir inibitore della proteasi possono essere incluse nel regime di trattamento di prima, che, a causa della sua più alta barriera genetica, potrebbe proteggere meglio dal rischio di fallimento virologico di quello che potrebbe NNRTI" Dott. Linda Wittkop, di INSERM, Università di Bordeaux Segalen di Bordeaux, in Francia, e colleghi hanno scritto.

"Questi risultati confermano le linee guida di trattamento attuale per l'HIV, che affermano che la scelta del trattamento iniziale dovrebbe essere basata su test di resistenza in pazienti naive al trattamento", hanno concluso.

Lo studio è pubblicato nella edizione on line del 28 febbraio Il Lancet Infectious Diseases.
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

Molti pazienti hanno ceppi resistenti ai farmaci Empty Re: Molti pazienti hanno ceppi resistenti ai farmaci

Messaggio Da Gex Lun 28 Feb - 21:05

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Nuove terapie per i pazienti naïve contagiati da virus HIV farmaco resistenti
Scritto da Redazione il 28.02.2011



In Europa e negli Stati Uniti, il 10 % dei pazienti naïve è stato contagiato da virus HIV farmaco resistenti o che hanno già almeno una mutazione di resistenza al farmaco. Questi pazienti hanno più di tre volte la probabilità di sperimentare insuccesso nella terapia, secondo un articolo pubblicato online su The Lancet Infectious Diseases. Questi risultati confermano la necessità di test di resistenza ai farmaci prima del trattamento di pazienti naïve per determinare quali farmaci antiretrovirali sono in grado di lavorare.

I risultati mostrano anche che una scarsa risposta virologica e immunologica potrebbe essere più comune nei pazienti con resistenza alla trasmissione che assumono inibitori non-nucleosidici della trascrittasi inversa (NNRTI). I dati mostrano, per la prima volta, la terapia di prima linea ottimale da utilizzare in questi casi e sarà importante nelle regioni povere di risorse del mondo in cui i test di resistenza genotipica non sono normalmente disponibili, ma dove TDR può aumentare con l’implementazione di trattamento dell’HIV.

Le linee guida attuali di trattamento consigliano il pre-trattamento con test genotipici per rilevare la presenza di mutazioni di resistenza e stabilire quali farmaci di prima linea sono suscettibili di efficacia. Tuttavia, l’effetto della TDR sulla risposta virologica e immunologica è controverso e sono necessari ulteriori dati per informare meglio la scelta delle terapie farmacologiche in un’epoca di scelte farmacologiche multiple per il trattamento dell’HIV.

Lo studio EuroCoord-CHAIN è stato progettato per valutare l’effetto del TDR su risultati del trattamento durante il primo anno di terapia antiretrovirale combinata (CART) in un set di dati di grandi dimensioni europee.

10 056 pazienti provenienti da 25 coorti sono stati arruolati da tutta Europa. Il test del genotipo è stato fatto prima dell’inizio del cART per determinare la presenza di resistenza agli inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTI), NNRTI, e gli inibitori della proteasi. I pazienti sono stati suddivisi in tre categorie di resistenza non-TDR (9.102 pazienti, 90,5%), con almeno una mutazione e la ricezione di cART completamente attivo (475 pazienti, 4,7%), o con almeno una mutazione e resistente ad almeno un farmaco prescritto ( 479 pazienti, 4,8%) ed è stato valutato il tempo dl fallimento virologico.

I pazienti con TDR e con la resistenza ad almeno un farmaco prescritto avevano una probabilità alta più di tre volte di subire un fallimento virologico, rispetto ai pazienti senza TDR, confermando: “la necessità di almeno tre farmaci antiretrovirali completamente attivi per ottimizzare la risposta virologica ad un regime di prima linea “.

Tuttavia, il rischio di fallimento virologico non era significativamente differente tra i pazienti con TDR tenendo un regime completamente attivo CART (contenente il medicinale non compromesso dalla resistenza) e quelli senza TDR.

Inoltre, i pazienti con TDR che stavano prendendo due NRTI più un NNRTI e sembravano destinati ad essere in piena attività del trattamento avevano un più alto rischio di fallimento virologico rispetto ai pazienti con un regime a base di inibitori della proteasi che avevano un rischio di fallimento virologico simile a quella dei pazienti senza TDR.

Gli autori dicono: “Se le mutazioni resistenti ai farmaci vengono rilevati prima di iniziare il trattamento, un inibitore della proteasi potenziato con ritonavir può essere incluso nel primo regime di trattamento, che, a causa della sua più alta barriera genetica, potrebbe proteggere meglio dal rischio di fallimento virologico del NNRTI. ”

E concludono: “Questi risultati confermano le linee guida di trattamento attuale per l’HIV, che affermano che la scelta del trattamento iniziale dovrebbe essere basata su test di resistenza al trattamento in pazienti naive .”
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.