Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

IAS 2011- Ricercatori alla ricerca di una cura dell'Hiv e strategie globali

Andare in basso

IAS 2011- Ricercatori alla ricerca di una cura dell'Hiv e strategie globali Empty IAS 2011- Ricercatori alla ricerca di una cura dell'Hiv e strategie globali

Messaggio Da Gex Gio 21 Lug - 16:40

I ricercatori parlando nel giorno finale della 6 ° Conferenza IAS sulla patogenesi dell'HIV, trattamento e prevenzione (IAS 2011), si sono concentrati sul crescente interesse per il percorso scientifico di una cura dell'HIV.

Le discussioni intorno ad una cura dell'HIV sono cresciute negli ultimi 12 mesi e ora stanno riscuotendo un grande successo con la creazione di una AIDS Society (IAS) che sta concentrando i propri sforzi sulla creazione di una strategia scientifica globale.
Un certo numero di abstract hanno caratterizzato la ricerca su una cura alla conferenza di Roma, che ha visto la partecipazione di oltre 5.000 ricercatori, medici e leader di comunità in quanto Domenica.

"Quindici anni fa, anche i più ottimisti della comunità scientifica restavano in silenzio circa la prospettiva di una cura o di un vaccino contro l'HIV", ha detto allo IAS 2011 la Presidente, Elly katabira. "Oggi, c'è un riemergere della speranza che la remissione a lungo termine di un individuo infetto sia un obiettivo realistico. L'IAS è orgogliosa di essere leader nel coordinamento dello sforzo di ricerca e non vediamo l'ora l'inaugurazione della strategia scientifica globale al XIX Internazionale AIDS Conference (AIDS 2012) a Washington il prossimo anno. "

"Anche se questi possono essere momenti scientificamente emozionanti , non possiamo permettersi delle enormi lacune che ancora rimangono nel roll-out di prevenzione efficace e di programmi di trattamento in molti paesi", ha detto Stefano Vella, co-presidente locale dello IAS 2011 e direttore di ricerca presso l'Istituto Superiore di Sanità (ISS). "Ci deve essere una più solida e coraggiosa leadership negli sforzi per ridurre le infezioni da HIV tra i tossicodipendenti.
Per troppo tempo questo gruppo vulnerabile è stato lasciato ai margini dei programmi di prevenzione dell'HIV, e questo approccio non è più sostenibile.

"Allo stesso modo, non raggiungeremo mai gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio relativo alla salute materna e infantile fino a quando le nazioni, e i donatori internazionali e le agenzie non raggiungono il primo passo.

Sì, ci sono stati marcati miglioramenti negli ultimi dieci anni, ma sono ancora troppe le donne e i bambini che muoiono inutilmente. La cura, la prevenzione e il trattamento deve essere adattato nei paesi in via di sviluppo per iniziare subito i trattamenti. "

La Sessione Plenaria finale ha unito tre campi di ricerca, ognuno chiede un impegno e risorse per guidare in modo più efficace l' attuazione delle politiche:

Primo step: La fine della trasmissione del virus HIV nei tossicodipendenti entro il 2015:

Nora Volkow (Stati Uniti), Direttore dell' Istituto Nazionale del Drug Abuse (NIDA), ha sottolineato nel suo discorso in plenaria che, l' uso di droga per via parenterale è il più comune vettore correlato alla trasmissione del virus dell' HIV.

Il consumo di droga colpisce anche in corso dell'infezione fino a danneggiare il sistema immunitario (ad esempio, gli oppiacei, l'alcol), attraverso interazioni farmacologiche con HAART (ad esempio, alcool), o attraverso la compromessione con i regimi di trattamento per l'HIV, che può peggiorare gli esiti clinici.

Le politiche riguardanti i programmi di scambio di siringhe (NEP), e la sensibilizzazione della comunità sono efficaci strategie di prevenzione dell'HIV per i tossicodipendenti. La ricerca mostra che bisogna ricercare i consumatori di droghe per testarli per l'HIV e convincerli sia contro il consumo di droga che al trattamento con HAART (per chi risulta positivo) può migliorare la salute del paziente e prevenire cosi la trasmissione dell'HIV e l'incidenza a livello di popolazione.

Step due: Prendersi cura di madri e bambini: verso gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

Nel suo intervento in plenaria, Philippa Musoke (Uganda), del Dipartimento di Pediatria e Salute del Bambino, Makerere University, ha sostenuto che, anche se sono stati compiuti progressi nel ridurre la mortalità materna e infantile in molte regioni del mondo, in molti altri paesi invece, questo miglioramento resta inadeguato per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MDG) 4 e 5 entro il 2015.

Nell'Africa sub-sahariana, l'infezione da HIV contribuisce in modo significativo la morbilità e la mortalità di donne e bambini. In assenza di terapia antiretrovirale, con infezione da HIV i bambini hanno una mortalità molto alta con il 50 per cento di morire da due anni di età. Negli ultimi dieci anni la riduzione della mortalità materna e infantile nell'Africa sub-sahariana e Sud-Est asiatico sono stati connessi con l'attuazione di prevenzione della trasmissione madre-figlio dell'HIV trasmissione (PMTCT) programmi.

Aumentare ulteriormente i programmi PMTCT e la copertura è fondamentale per migliorare la vita delle donne infette e dei bambini. Inoltre, bisogna puntare sull'istruzione delle bambine, aiutando le donne ad essere economicamente indipendenti e favorire la fornitura di servizi di pianificazione familiare queste azioni sono fondamentali per migliorare la salute materna e la sopravvivenza.

La salute materno-infantile (MNCH) attraverso programmi per la fornitura di assistenza prenatale e postnatale per tutte le donne in gravidanza, aumento del tasso di copertura vaccinale, l'allattamento al seno esclusivo e sostegno nutrizionale per tutti i neonati rimangono una priorità.

Verso una cura dell'HIV

Eric Verdin (Belgio), Professore di Medicina, Università di California, ha concluso la sessione plenaria mattutina, affermando che l'eliminazione del virus HIV richiederebbe l'eliminazione del HIV persistente durante la terapia soppressiva.

La fonte di persistenza dell' HIV in pazienti in terapia HAART soppressiva è un argomento molto attuale. Recenti studi di intensificazione del trattamento hanno mostrato che la viremia persistente può derivare da diverse fonti, compreso l'HIV latente nei linfociti CD4T a riposo.

Strategie di eradicazione dell'HIV attualmente si concentrano su piccole molecole che attivano la trascrizione virale in cellule T CD4 +. Questi includono gli inibitori delle istone deacetilasi e del fattore nucleare kappa B attivatori.

Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.