Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

....e invece parlo...

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo

Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Mar 27 Mar - 17:41

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] il nostro vero Gat...... Very Happy
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da Rafael Mar 27 Mar - 19:56

Padovani gran dottori, veronesi tutti matti, veneziani gran signori, vicentini mangia gatti.... è un famoso detto veneto
Rafael
Rafael

Messaggi : 814
Data d'iscrizione : 21.12.10

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Mer 28 Mar - 10:45

Rafael ha scritto:Padovani gran dottori, veronesi tutti matti, veneziani gran signori, vicentini mangia gatti.... è un famoso detto veneto

affraid Shocked affraid Razz
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty ciao mi spieghi come funziona forum

Messaggio Da tony Mer 28 Mar - 11:06

silence ha scritto:ciao scricciolo, grazie..piacere di conoscerti..

tony

Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 28.03.12

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da tony Mer 28 Mar - 11:07

ce qualque siciliano fra di voi

tony

Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 28.03.12

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da tony Mer 28 Mar - 11:08

non so come faccio vedere le persone in linea

tony

Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 28.03.12

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Mer 28 Mar - 11:55

ciao tony..allora se vuoi presentarti e raccontarci qualcosa di te..nella sezione VUOI PRESENTARTI clicca su NEWTOPIC e apri un tuo thread...Se vuoi partecipare in quelli già esistenti clicca su POSTREPLY e scrivi quello che vuoi... Per vedere chi c'è in linea, nell'indice del forum, in basso a sinistra leggi i nik delle persone che sono nel forum in quel momento... Non so se c'è qualche siciliano..ma se per te va bene lo stesso di pugliesi ce ne sono tanti Very Happy lol!
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Mer 28 Mar - 12:30

guardate qua cosa ho trovato!!!!! Shocked Shocked Shocked



[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

disdetto contratto di lavoro....un'altra querela no è!!!!!! affraid affraid affraid
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da gattoni Mer 28 Mar - 13:51

Ti sei licenziata??
gattoni
gattoni

Messaggi : 437
Data d'iscrizione : 21.12.10
Località : Havana

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Mer 28 Mar - 13:55

no..per fortuna non rientra in questi casi il centro estetico dove andrò io...però mi è venuto un colpo quando l'ho letto?? Shocked
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da daniele(exmi) Gio 29 Mar - 11:28

silence ha scritto:no..per fortuna non rientra in questi casi il centro estetico dove andrò io...però mi è venuto un colpo quando l'ho letto?? Shocked

Silence devi dormire così tanto da nn accogerti ke a posto di trattamenti estetici fanno ben altro!!!!!!!!!!!!!!!!
Shocked Shocked Shocked

daniele(exmi)

Messaggi : 209
Data d'iscrizione : 21.03.12
Località : puglia

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Gio 29 Mar - 11:55

..infatti dani.... cerco di esser desta... Very Happy Anni fa fecero chiudere un istituto, di italiane tra l'altro ,quasi vicino al mio proprio per queste ragioni..la descrizione dell'attività aveva delle similitudini con la mia..e quando lessi l'articolo sul giornale sbiancai...Ecco..ieri mi è successa la stessa cosa affraid
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Sab 7 Apr - 10:13

QUESTO E' IL NEGAZIONISMO CHE SCHIFO CON TUTTE LE MIE FORZE!!! Twisted Evil


MERCOLEDÌ, MARZO 14, 2012

STOP ALLA BARBARIE DELLA DETENZIONE IN ISOLAMENTO DEI MINORI PALESTINESI


Il 30 gennaio scorso, oltre 100 professionisti di spicco, ecclesiastici, educatori, medici, accademici e artisti americani e israeliani hanno inviato al Primo Ministro israeliano Netanyahu e ad altri alti funzionari di Israele e Usa la lettera che segue, sollevando le loro preoccupazioni per l’uso continuato della detenzione in isolamento dei bambini nei centri di interrogatorio di Al Jalame e di Petah Tikva, in Israele.

A partire dal 2008, Defence for Children International – Palestine ha documentato 38 casi in cui dei ragazzi sono stati posti in isolamento in queste strutture per periodi che vanno dalle 48 ore fino ai 65 giorni in un caso. La durata media del periodo in cui i minori sono rimasti in isolamento è stata di 11 giorni. Gli effetti dannosi sul piano psicologico e fisico della detenzione in isolamento di una persona sono ben documentati e includono: ansia e disperazione, disorientamento, depressione, insonnia, psicosi, auto-mutilazioni e tentativi di suicidio.

In varie occasioni, da ultimo nell’ottobre del 2011, vari organismi dell’Onu, incluso il Comitato sui Diritti del Fanciullo e il Relatore Speciale dell’Onu sulla Tortura, hanno lanciato un appello per un divieto totale dell’uso della detenzione in isolamento sui minori. Questo appello trova eco nella lettera che segue.

Chi scrive può solo aggiungere il proprio sdegno e la propria riprovazione per l’utilizzo di un simile strumento di pressione che rappresenta una vera e propria forma di tortura, soprattutto quando ciò avviene a danno dei più piccoli e indifesi. Quando si discute di boicottaggio economico e culturale come forma di pressione contro Israele, si dovrebbero sempre tenere a mente atti abominevoli e immorali come questi, compiuti da uno stato-canaglia cui da troppo tempo la comunità internazionale garantisce piena e totale impunità per ogni crimine ed ogni illegalità.

E ciò è ancor più grave laddove dovrebbe essere chiaro che compiere simili atti abominevoli non serve ad altro che ad instillare gocce di veleno che scavano un solco di odio sempre più profondo tra israeliani e palestinesi, destinato a perpetuarsi nelle generazioni che verstoranno.
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Sab 7 Apr - 10:26

lA VERGOGNA DI FAR PARTE DEL GENERE UMANO MI ASSALE!!! Twisted Evil


silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Gio 12 Apr - 7:29



..che bella cosa nà jurnat e sool.. n'aria serena dopo la tempesta... cheers

oggi, dopo giorni di intensa pioggia, freddo pungente e capelli ingestibili Very Happy , a Bologna risplende un sole bellissimo in un cielo terso come quasi mai si vede da queste parti sunny
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Ven 13 Apr - 11:58

In 9 anni i razzi artigianali palestinesi hanno fatto 30 morti israeliani.

In 3 settimane l'assalto israeliano a Gaza ha causato 1417 morti.

Chi sono i reali terroristi?
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Evil or Very Mad
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Ven 13 Apr - 16:25

...niente.. Razz non ce la può fare a sostenere una discussione!!! Ennesimo 3d bloccato Razz Ma come si può vivere con il cervello stretto in una morsa??!! Ragazzi, pensavo di averne conosciuta di gente strana..ma questo le supera tutte di gran lunga!!! affraid Shocked
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da Gex Ven 13 Apr - 19:31

Ennesimo 3d bloccato

??
scratch
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da HLAB5701 Ven 13 Apr - 21:16

silence ha scritto:In 9 anni i razzi artigianali palestinesi hanno fatto 30 morti israeliani.

In 3 settimane l'assalto israeliano a Gaza ha causato 1417 morti.

Chi sono i reali terroristi?
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Evil or Very Mad

è sempre importante evidenziarle queste cose, silence. hai fatto bene a postare questo dato.
HLAB5701
HLAB5701

Messaggi : 51
Data d'iscrizione : 22.03.12
Età : 46

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Sab 14 Apr - 8:56

Gex ha scritto:
Ennesimo 3d bloccato

??
scratch

gex..purtroppo non tutti concepiscono il forum come te...un posto dove tutti, nel rispetto degli altri, possono esprimere le proprie opinioni e porre domande...Ma tant'è...Io dico sempre che il mondo è bello perchè vario!!!
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Sab 14 Apr - 10:54

HLAB5701 ha scritto:
silence ha scritto:In 9 anni i razzi artigianali palestinesi hanno fatto 30 morti israeliani.

In 3 settimane l'assalto israeliano a Gaza ha causato 1417 morti.

Chi sono i reali terroristi?

è sempre importante evidenziarle queste cose, silence. hai fatto bene a postare questo dato.

Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.

Bertolt Brecht
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da Gex Sab 14 Apr - 14:25

gex..purtroppo non tutti concepiscono il forum come te...un posto dove tutti, nel rispetto degli altri, possono esprimere le proprie opinioni e porre domande...Ma tant'è...Io dico sempre che il mondo è bello perchè vario!!!

Si ma cosi' mi incuriosisci..?? Very Happy
Alludi sempre a hiv for??
Rolling Eyes
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Sab 14 Apr - 15:47



Gex, ho visto che poi, anche senza il mio aiuto, li hai trovati nel 3d "A.A.A. CERCASI...." cheers Wink
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Sab 14 Apr - 19:47

..a me sta pioggia mi ha veramente triturato i maroni!!! quanno cè vo..cè vo.. Very Happy

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da Gex Sab 14 Apr - 20:10

silence ha scritto:

Gex, ho visto che poi, anche senza il mio aiuto, li hai trovati nel 3d "A.A.A. CERCASI...." cheers Wink

ok
cheers
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da daniele(exmi) Dom 15 Apr - 12:25

silence ha scritto:..a me sta pioggia mi ha veramente triturato i maroni!!! quanno cè vo..cè vo.. Very Happy

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]



Ma se sono 3 mesi ke NON piove!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad

daniele(exmi)

Messaggi : 209
Data d'iscrizione : 21.03.12
Località : puglia

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Dom 15 Apr - 12:30

daniele(exmi) ha scritto:
Ma se sono 3 mesi ke NON piove!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad

Cra..cra..beato te..cra..cra..qui è una settimana che non smette manco a pagare...cra..cra..cra... Twisted Evil
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da gloria Dom 15 Apr - 12:50

Glori è lieta di comunicarvi che si sta spalmando la protezione solare afro
gloria
gloria

Messaggi : 1291
Data d'iscrizione : 21.12.10
Età : 57

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Dom 15 Apr - 13:12



silence è lieta di comunicare a gloria:


vai a cagare!!!!!! Razz Laughing Laughing
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da gloria Dom 15 Apr - 13:16

silence ha scritto:

silence è lieta di comunicare a gloria:


vai a cagare!!!!!! Razz Laughing Laughing



solo se mi garantite la prima pagina su "Nature"! Cool
gloria
gloria

Messaggi : 1291
Data d'iscrizione : 21.12.10
Età : 57

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Dom 15 Apr - 13:27

gloria ha scritto:
solo se mi garantite la prima pagina su "Nature"! Cool

....a quale sottospecie appartiene la tua??? con o senza scoreggia??? pirat study


silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da gloria Dom 15 Apr - 13:32

silence ha scritto:
gloria ha scritto:
solo se mi garantite la prima pagina su "Nature"! Cool

....a quale sottospecie appartiene la tua??? con o senza scoreggia??? pirat study




mi avvalgo della facoltà di non rispondere! Razz

intanto ho il piacere di comunicare che ho indossato il mio caldo "lupetto" di lana e sto accendendo il camino!! lol! lol!
gloria
gloria

Messaggi : 1291
Data d'iscrizione : 21.12.10
Età : 57

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Dom 15 Apr - 13:36

gloria ha scritto:

mi avvalgo della facoltà di non rispondere! Razz

intanto ho il piacere di comunicare che ho indossato il mio caldo "lupetto" di lana e sto accendendo il camino!! lol! lol!



e io di comunicarti che ti voglio di nuovo bene!!! Laughing lol!
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Lun 16 Apr - 7:38


ragazzi..vi avverto che da oggi in poi Ruggiero e il suo yogurt non interessa più....La battaglia si sposta su altro fronte...I VACCINI NEONATALI... Caspita che prontezza di riflessi!!!! Shocked
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da fahrenheit Lun 16 Apr - 8:11

silence ha scritto:
ragazzi..vi avverto che da oggi in poi Ruggiero e il suo yogurt non interessa più....La battaglia si sposta su altro fronte...I VACCINI NEONATALI... Caspita che prontezza di riflessi!!!! Shocked

no no,ruggiero interessa ancora!
madama dorè prende vie traverse... i vaccini provocano l'autismo nei bambini...ma alcuni bimbi hanno avuto una regressione della patologia utilizzando il gc-maf Shocked Shocked affraid affraid

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]




fahrenheit
fahrenheit

Messaggi : 126
Data d'iscrizione : 01.04.12

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Lun 16 Apr - 12:11


Grazie amò..il tuo contributo è stato illuminante!! Cool
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Lun 16 Apr - 13:23

Prima di cominciare a parlare di VACCINI, ci tengo a specificare alcune cose. Con l'argomento che vado ad affrontare non intendo in alcun modo influenzare le scelte di nessuno o scatenare panico affraid per le scelte già effettuate. Ho già più volte detto che mi sono rifiutata di sottoporre a vaccinazione i miei bimbi..sono profondamente convinta di quello che ho fatto e ho addotto le mie motivazioni agli organi istituzionali preposti i quali ne hanno solo preso atto. Ho impiegato più di un anno per arrivare ad assumermi tale responsabilità..ho studiato l'impossibile e cercato confronti con esperienze personali...perchè informarsi non vuol dire imparare a menadito l'enciclopedia medica!! Non troverete mai nessun omeopata disponibile a sconsigliavi palesemente il ricorso alle vaccinazioni..la scelta dipende solo ed esclusivamente dalla persona interessata.

Inoltre, e lo dirò fino a quando avrò aria nei polmoni, aborro study ogni forma di estremismo..il nostro Signore ci ha dotato di occhi per vedere che i colori non sono sempre netti, le infinite sfumature ne completano il quadro..Attiviamo questa funzione cerebrale e forse riusciremo a migliorare questo mondo di merda...o almeno facciamolo perchè LUI non si offenda Very Happy

Quando i miei bimbi presentano febbre comincio con i granuli di Belladonna..ma se nell'arco di qualche giorno non ottengo risultati apprezzabili passo alla tachipirina..., se hanno tosse comincio con Stodal(sciroppo omeopatico) e altri granuli dai nomi impronunciabili....ma se dopo qualche giorno non ottengo risultati apprezzabili passo all'aerosol con aggiunta di Clenil o Fluibron (cortisone)...e così via...

Tengo ad evidenziare che fino a pochi anni fa parlare al proprio pediatra di base di rimedi omeopatici voleva dire essere iscritto nella lista nera dei pazienti..Ora tutti e dico tutti, prima dell'inverno prescrivono cure omeopatiche per rafforzare il sistema immunitario...cure preventive omeopatiche per bronchiti e recidive... Ogni pediatra ha ora esposto nel proprio studio le nuove linee guida per l'uso degli antibiotici, per troppo tempo prescritti come acqua fresca risolutrice di qualunque problema medico, virale o batterico che sia, causando resistenze ai più comuni malanni. Il Fluoro, altro argomento causa di un enorme passo indietro della medicina allopatica... Praticamente dai sei mesi d'età in poi il Fluoro era fortemente consigliato, pena un'obbrobrio di dentatura da adulto.. Contrariamente a quello che si credeva un tempo, il fluoro è efficace solo se applicato localmente e non quando assunto internamente. Assorbito per bocca, il fluoro entra nel dente attraverso il sangue e altera la struttura del dente stesso. Questo può causare fluorosi dentale. Invece, applicato localmente sul dente si lega allo smalto dei denti e li protegge dalle carie. Soprattutto nei bambini piccoli, i rischi dell’assunzione di fluoro superano di gran lunga i benefici.Le industrie del farmaco e quelle produttrici di dentifrici hanno a lungo sottaciuto e sottovalutato gli effetti tossici dei prodotti a base di fluoro.Studi scientifici dimostrerebbero che il fluoro può essere neurotossico...per cui adesso le nuove linee guida dicono che il fluoro contenuto nei dentifrici è sufficiente a regalare un sorriso smagliante Very Happy

Vorrei ricordare infine, che non esistono sperimentazioni sui medicinali pediatrici, le cavie siamo noi che li utilizziamo sui nostri figli. Le case farmaceutiche usano gli stessi principi attivi degli adulti e consigliano di dimezzare le dosi..Ecco pronto il farmaco per una mezza persona... Arrow
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Lun 16 Apr - 13:46

Fonte Ministero della Salute

LE VACCINAZIONI OBBLIGATORIE


BAMBINI

In Italia sono obbligatorie per tutti i nuovi nati le vaccinazioni contro difterite, tetano, poliomielite, epatite virale B.
Sebbene il ricorso all’obbligo di legge possa apparire anacronistico ai giorni nostri, va ricordato che lo strumento legale ha garantito il diritto alla salute e alla prevenzione di ogni bambino sul territorio nazionale e ha fornito la copertura finanziaria delle spese di vaccinazione, permettendo un ottimo controllo delle malattie così prevenibili.
Ben prima di altri Paesi europei l’Italia ha eliminato la poliomielite (ultimi casi indigeni nel 1982), di cui è stata ufficialmente certificata l’eradicazione a livello europeo nel giugno 2002.
L’ultimo caso di difterite in età pediatrica in Italia (peraltro in una bambina non vaccinata) risale al 1991 e da diversi decenni non si registrano casi di tetano in età pediatrica o adolescenziale; inoltre, l’incidenza dell’epatite virale B ha subito, dal 1991 ad oggi, una riduzione superiore all’80% nei gruppi di età destinatari dell’intervento vaccinale (0-14 e 15-24 anni).

Difterite
Il vaccino antidifterico è costituito da anatossina difterica, cioè dalla tossina originaria resa innocua mediante procedimenti chimici che conservano però la sua capacità di stimolare la produzione di anticorpi protettivi. Il calendario vaccinale, in vigore dal 1999 prevede tre dosi nel primo anno di vita (al 3°, 5° e 12° mese), seguite da due richiami rispettivamente a 5-6 anni, e tra 11 e 15 anni. Ulteriori richiami sono raccomandati a cadenza decennale.
I vaccini contro la difterite sono disponibili in formulazione pediatrica e per adulti. La formulazione pediatrica è utilizzata per il ciclo primario ed i richiami fino a 6 anni di età.
La formulazione per adulti ha un ridotto contenuto di anatossina rispetto a quella pediatrica e viene utilizzata per le dosi di richiamo oltre i 6 anni e per la vaccinazione di adolescenti e adulti.
La vaccinazione antidifterica, a ciclo ultimato, conferisce una protezione pressoché totale.
La durata della protezione nel tempo è molto lunga ed è ulteriormente garantita dall'esecuzione dei richiami.

Tetano
Il vaccino antitetanico è costituito da anatossina tetanica, cioè dalla tossina originaria resa innocua mediante procedimenti chimici che conservano però la sua capacità di stimolare la produzione di anticorpi protettivi.
Il calendario vaccinale è lo stesso della difterite. Il ciclo di base è costituito da tre dosi di vaccino, da praticare entro il primo anno di vita del bambino (al 3°, 5° e 12° mese). Una dose di richiamo (associata con le componenti contro la difterite e la pertosse - DTaP) viene eseguita nel 6° anno e un’altra a 14 anni (tetano, difterite a ridotto contenuto di anatossina e pertosse - Tdap).
Come per la difterite, dal 1998 ad oggi sono stati introdotti in commercio numerosi prodotti combinati ad altri componenti, in cui l’anatossina tetanica è associata, oltre che ai vaccini antidifterico ed antipertosse acellulare, anche all’anti Haemophilus influenzae b (Hib), all'antipolio (IPV) e all'antiepatite B (vaccino esavalente).
La vaccinazione antitetanica, a ciclo di base ultimato, conferisce una protezione pressoché totale: efficacia del 100%.
La durata della protezione nel tempo è molto lunga, almeno 10 anni, ed è ulteriormente garantita dall'esecuzione dei richiami.

Poliomielite
Nel 1999 il calendario vaccinale basato sulla sola somministrazione di vaccino antipolio orale (OPV) è stato sostituito da una schedula sequenziale, che prevedeva la somministrazione di due dosi di vaccino antipolio inattivato (IPV), seguite da due dosi di OPV.
In concomitanza con la certificazione dell’eradicazione della polio dalla Regione Europea dell’OMS, avvenuta nel giugno 2002, nell’agosto di quello stesso anno è stato adottato definitivamente un calendario basato sulla somministrazione esclusiva di IPV.
La modalità di somministrazione resta invariata per quanto riguarda le prime 3 dosi nel primo anno di vita. Per il richiamo occorre fare una distinzione (vedi Decreto Ministero Salute 15 luglio 2005, pubblicato in G.U. n.215 del 15 settembre 2005):
per i bambini nati dal 1 gennaio 2004 in poi il richiamo va praticato tra il 5° e il 6° anno di vita (e comunque, non prima che siano trascorsi 12 mesi dalla somministrazione della terza dose), insieme al richiamo del vaccino antidifterico-tetanico-pertossico e della seconda dose di antimorbillo-rosolia-parotite
per i bambini nati prima dell'1 gennaio 2004 il richiamo va praticato al 2°-3° anno di vita come in precedenza.
Con il passaggio all’IPV, sono stati introdotti sul mercato diversi prodotti combinati, che associano la componente antipolio agli altri vaccini previsti in età pediatrica (vaccino esavalente: IPV, tetano, pertosse, epatite B, Haemophilus influenzae b). Per adolescenti ed adulti sono disponibili vaccini combinati (quadrivalenti) che associano IPV a tetano, difterite e pertosse.

Epatite virale B
Nei bambini si somministrano tre dosi di vaccino al 3°, 5° e tra l'11° e il 12° mese di vita.
Nei neonati da madre infetta (HBsAg positiva) si somministrano quattro dosi: alla nascita (entro 12-24 ore), al 1°, 2° e 11-12° mese di vita; assieme alla prima dose di vaccino si somministrano al neonato anche le immunoglobuline.
Per i nati da madre HBsAg negativa, il calendario vaccinale è immutato rispetto a quanto originariamente previsto dal DM 3 ottobre 1991, con tre dosi da somministrare entro il primo anno di vita.
Come previsto dalla legge 165/1991 la vaccinazione obbligatoria degli adolescenti è terminata nel 2003, in quanto a partire da quest’anno i dodicenni appartengono ad un classe di nascita già vaccinata nel primo anno di vita.
Negli adulti si somministrano tre dosi al tempo 0, dopo 1 mese e dopo 6 mesi dalla prima. Non sono necessari richiami.
La vaccinazione continua ad essere raccomandata ed offerta gratuitamente al personale sanitario ad altre categorie a rischio.

VACCINAZIONI RACCOMANDATE

BAMBINI

Sono raccomandate nel nostro Paese per i nuovi nati le vaccinazioni contro morbillo, parotite, rosolia (MPR), pertosse ed infezioni da Haemophilus influenzae b (Hib).

Pertosse
Il calendario vaccinale in vigore dal 1999 prevede tre dosi nel primo anno di vita (associate con le componenti contro la difterite e tetano, al 3°, 5° e 12°), seguite da un richiamo a 5-6 anni. Un'altra dose di richiamo viene eseguita a 14 anni. Non sono previsti successivamente altri richiami.
Negli ultimi anni è disponibile il nuovo vaccino "acellulare" (DTaP), contenente cioè soltanto alcuni componenti del batterio, che, rispetto al vecchio preparato, provoca un minor numero di reazioni nei vaccinati, pur conservando una elevata efficacia protettiva.

Morbillo, Parotite e Rosolia (MPR)
Dai primi anni ‘90 vengono utilizzati in Italia, per la vaccinazione di nuovi nati e di bambini più grandi, vaccini combinati contro morbillo, rosolia e parotite (MPR), con somministrazione della prima dose tra il 13° ed il 15° mese (Circolare n. 12 del 13 luglio 1999 e Piano Nazionale Vaccini 2005-2007), anche contemporaneamente alla terza dose dei vaccini previsti nel primo anno di vita.La disponibilità di prodotti monovalenti è molto limitata; in particolare dal 2003, non sono più disponibili vaccini monovalenti contro la rosolia.
Contemporaneamente, è stata raccomandata la vaccinazione dei bambini più grandi ancora suscettibili, e l’introduzione di una seconda dose all’età di 11-12 anni. La vaccinazione selettiva delle adolescenti contro la rosolia continua ad essere raccomandata finché non siano raggiunti livelli elevati di copertura MPR nella prima infanzia.

Infezioni invasive da Haemophilus influenzae b (Hib)
I vaccini contro le infezioni invasive da Hib, disponibili in Italia dal 1995, sono stati inclusi nel calendario delle vaccinazioni per l’età evolutiva nel 1999; il ciclo vaccinale di base prevede, per i nuovi nati, la somministrazione di tre dosi nel primo anno di vita (3°, 5° e 12° mese). Sono disponibili sia vaccini monovalenti contro il solo Hib, che vaccini combinati con altri antigeni. Per il ciclo vaccinale di base nei nuovi nati vengono utilizzati attualmente soprattutto vaccini esavalenti (DTP, IPV, Epatite B, Hib).

Altre vaccinazioni
Sono, inoltre, disponibili altri vaccini, utili a prevenire alcune malattie del bambino, come i vaccini contro l'influenza, lo pneumococco, la meningite C e la varicella. Sono vaccini sicuri ed efficaci, raccomandati per bambini ad elevato rischio.
Il vaccino contro l'influenza è prioritariamente raccomandato ogni anno ed offerto gratuitamente ai bambini portatori di patologie che aumentano il rischio di complicazioni a seguito di influenza.
Il vaccino pneumococcico coniugato eptavalente è raccomandato nei bambini di età inferiore a 5 anni, che presentino alcune condizioni che li espongono a maggior rischio (vedi Circolare n. 11 del 19 novembre 2001) ed è in grado di indurre una buona risposta anticorpale a partire dal 3° mese di vita.
Anche il vaccino anti-meningococco tipo C è raccomandato nei soggetti ad elevato rischio e in base a specifici programmi regionali; è in grado di indurre una buona risposta anticorpale a partire dal 3° mese di vita.
Il vaccino contro la varicella è raccomandato limitatamente alle regioni con programmi vaccinali specifici o agli adolescenti con anamnesi negativa per varicella, secondo il seguente calendario:
- nei bambini da 1 a 12 anni, somministrazione di una sola dose di vaccino
- dal 13° anno in poi, somministrazione di due dosi di vaccino con un intervallo di 4-8 settimane.
Non sono considerati necessari richiami del vaccino.



silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Lun 16 Apr - 13:55

I bugiardini sono i foglietti illustrativi che dovrebbero essere consegnati ai genitori ogni volta che si presentano all’appuntamento per le vaccinazioni. Purtroppo, molto spesso, questo non accade, nonostante questi foglietti contengano informazioni importantissime per quanto riguarda i contenuti, le indicazioni e soprattutto le controindicazioni del farmaco. Con questo articolo inizia un viaggio in due puntate che ci aiuterà a comprendere meglio il mondo delle vaccinazioni obbligatorie in Italia

Vaccini e Bugiardini
di Romina Alessandri - tratto da CONSAPEVOLE nr. 11

L’idea di un articolo sui vaccini mi è venuta qualche tempo fa, quando mi sono trovata a cercare più informazioni possibili sull’argomento vista la mia dolce attesa: mi sono resa conto di quanto può essere difficile avere informazioni chiare e disinteressate, soprattutto dalle aziende sanitarie.
Negli ultimi mesi mi è capitato spesso di discutere l’argomento con familiari, amici, ostetriche e medici delle ASL locali. Questo confronto mi ha portato ad una grande confusione mentale: mi sono ritrovata a dover fare i conti con opinioni diverse, spesso frutto di preconcetti o addirittura di totale ignoranza sull’argomento. Dato che la vaccinazione è di routine, sono poche le famiglie che si preoccupano di informarsi sulle reali necessità o controindicazioni del vaccino stesso, e quindi sono ancora di meno quelle che decidono di non vaccinare, operando una scelta consapevole. Sento quindi la necessità di chiarire, con questo articolo, alcuni aspetti importanti relativi a questa scelta, in modo da mettere luce i pro e i contro della pratica vaccinale. Siccome nel mio percorso ho notato che la maggior parte dell’informazione a cui si ha accesso frequentando le strutture sanitarie è pro-vaccino, porterò la testimonianza di associazioni e gruppi di ricerca “contro”.
Credo spetti poi ad ogni genitore la scelta di approfondire l’una o l’altra strada.

La situazione in Italia e nel mondo
Nei paesi “sviluppati” esistono, relativamente alla pratica vaccinale, obblighi assoluti solo in Italia e Francia, molto elasticamente in Grecia ed in tre dei cinquanta stati degli USA. In Belgio vi è quello dell’antipolio, ma non essendovi una vera e propria legge è facilmente “aggirabile”. Solo nei paesi di ex area sovietica tuttora esistono obblighi assoluti. In Italia vi sono quattro vaccinazioni obbligatorie (polio, tetano, difterite, epatite B), sei consigliate ed altre cinque verranno proposte nei prossimi tre anni. Ogni regione ha però caratteristiche particolari, per esempio in Piemonte Toscana e Veneto i vaccini non saranno più obbligatori (ma consigliati) a partire dal 2008, mentre in altre regioni sono state abrogate le multe per mancata vaccinazione. Cosa importantissima che tengo a sottolineare: il presidente della Repubblica, il 26 Gennaio 1999, ha firmato un decreto che regolamenta definitivamente la posizione dei bambini non vaccinati a scuola; il D.P.R. n. 355 recita testualmente: “La mancata certificazione delle vaccinazioni non comporta il rifiuto di ammissione dell’alunno alla scuola dell’obbligo o agli esami”. Quindi se per caso qualche scuola non accettasse i bambini non vaccinati, occorre sporgere denuncia all’autorità giudiziaria per azioni anticostituzionali. Per gli asili la situazione è regolamentata regione per regione.

La sicurezza dei vaccini e la loro composizione
Il problema dell’obiezione consapevole nasce dalla constatazione che oggi i bambini manifestano una elevatissima presenza di malattie “moderne”: uno su 10 è asmatico; complessivamente uno su tre è allergico; ogni anno 1.000-1.500 neonati muoiono nel sonno per lo più tra i due e sei mesi, proprio quando subiscono le prime due dosi vaccinali. Tali nuove malattie, compreso il cancro in età precoce, sono apparse a partire dalla generazione nata attorno al ’60, che corrisponde alla data di inizio delle vaccinazioni attuate in modo massiccio.

Sostanze pericolose e malattie debellate
A partire dai 3 mesi, e nei soli primi 15 mesi di vita, possono essere somministrate al bambino 27 dosi di vaccino che contengono antibiotici, mercurio, alluminio, formaldeide: sostanze tossiche alle quali si può anche essere allergici o che possono scatenare malattie di vario genere. All’interno dei vaccini sono quindi presenti sostanze molto pericolose, soprattutto se pensiamo che le dosi vengono inoculate su bambini con sistema immunitario non ancora formato. Le controindicazioni e gli effetti collaterali sono preoccupanti. Viene da chiedersi perché le vaccinazioni siano così vivamente consigliate dalle Asl locali. Prima di intraprendere questo viaggio nell’informazione mi sono fatta proprio questa domanda: «Perché allora sono obbligatori se così pericolosi?». La mia prima risposta, per logica, è stata: «Forse perché effettivamente i rischi che si corrono sono molto meno gravi rispetto al fatto di contrarre la malattia…». Mi sono data una risposta vera? Proviamo ad indagare.

Il Tetano
La comunità non deve difendersi da questo contagio semplicemente perché non è una malattia contagiosa. Se il tetano non è un virus perché si continua ad usare un vaccino antivirale? Tra l’altro in Europa non è mai stata una malattia dei bambini, e non si può neppure sostenere che, vaccinando tutti, si impedisca la circolazione del bacillo che si riproduce nell’intestino dei ruminanti ed è presente anche nella polvere di casa. La malattia non è dunque sradicabile (non la si può far sparire). Anche prima della vaccinazione i casi erano qualche centinaio all’anno e, allora come oggi, si riferiscono quasi sempre ad anziani.

L'Epatite B
Delle quattro obbligatorie questa gode di molti studi pubblicati relativi alla sua pericolosità e nessun pediatra ha il coraggio di difenderne l'obbligo. Il totale delle epatiti (A,B,C eccetera) è “crollato” prima del vaccino, passando dai 54.000 casi di tutte le epatiti del ’69 ai 2.733 della sola B del ’94, (nel ’97 circa 2.000), benigni al 95%, cronici nel 4% e mortali solo nell'1%.
Sui bambini poi il vaccino è inutile perché gli anticorpi che produce durano due anni nei neonati e quattro negli adulti. Considerato che la malattia è degli adulti e comincia ad apparire timidamente a 15 anni, se ne conclude che farlo a 0 ed 11 anni è matematicamente inutile e può fare solo male.

Difterite
Anche in questo caso vaccinare tutti per una malattia che “non c’è” produce più effetti collaterali che prevenzione. Nei paesi in cui il vaccino viene poco o per niente usato, la malattia non è presente, mentre appare in paesi super vaccinati (come la Russia ) se c’è fame e freddo; inoltre non è sradicabile. Infine, se la vaccinazione di massa aveva un senso teorico nel 1939. Certamente non lo ha oggi, quando, ad esempio, sono disponibili antibiotici che possono agevolmente essere usati per gli sporadici casi che si presentassero.

Poliomielite
Anche qui le centinaia (e probabilmente migliaia) di casi di morte e di invalidità da polio nell’occidente avanzato, almeno negli ultimi 10 anni, sono per lo più dovuti alla vaccinazione. In Italia la malattia (normalmente benigna) stava naturalmente sparendo tra gli anni Venti e gli anni Trenta: i picchi di incidenza sono “stranamente” apparsi in concomitanza con l’introduzione degli obblighi dell’antivaiolosa (1934), dell’antidifterica (1939), con le prime antipolio (1956), e soprattutto con la prima vera campagna vaccinale del 1958. Comunque questo vaccino risulta essere il più pericoloso. Sulla stampa del febbraio ’97 è apparsa la notizia secondo la quale il CDC (equivalente in USA del nostro Istituto Superiore della Sanità), negli scorsi 14 anni ha riscontrato, negli USA, 125 casi di polio da vaccino, che, rapportati alla popolazione italiana, equivarrebbero ad un poliomelitico all’anno circa. Piuttosto giova ricordare che la polio è apparsa nel terzo mondo solo dopo le campagne vaccinali “per salvarli”. Anche la campagna antipolio (italiana) del ’96 in Albania ha prodotto una grave epidemia, (76 casi in perfetta concomitanza di tempo, per lo più fra le persone a contatto dei vaccinati), dimostrando così la sua pericolosità in popolazioni con cattiva nutrizione ed igiene, e la sua inutilità nei paesi “ricchi”. È vero che ci sono stati rari casi di polio invalidante tra non vaccinati (nei paesi “sani”), ma anche tra vaccinati: il problema va valutato comunque, nel suo rischio complessivo per la salute.

Alla luce di queste valutazioni mi sento sicuramente più contro che pro-vaccino. E voi? Ci sono però ancora molte cose da chiarire prima di prendere una decisione definitiva, consapevole e informata. Continueremo quindi il nostro excursus sul prossimo numero, affrontando i possibili danni da vaccino (morti bianche, trasformazioni cellulari maligne, sconvolgimento del sistema immunitario etc.), e le eventuali indicazioni legali per l’obiezione.

Per saperne di più!
Leggere attentamente per scegliere consapevolmente
Credo sia necessario analizzare in modo specifico quali sono i principi attivi dei vaccini obbligatori e quali indicazioni/controindicazioni sono riportate nel bugiardino approvato dal Ministero della Sanità che andrebbe SEMPRE consegnato ai genitori.



Vi ho fatto un piccolo riassunto di cosa sono i vaccini e a cosa servono. In italia attualmente è decaduta l'obbligatorietà nel Veneto, Trentino Alto Adige, Piemonte e in Emilia Romagna se ne sta discutendo. Nello specifico della correlazione fra autismo e vaccini vi posto quest'ultimo articolo

Conflitti d’interesse della cricca dei vaccini e nella pratica clinica

Pubblicato da Autismo & Vaccini su 14 aprile 2012

Prosegue l’attacco mediatico orchestrato contro la recente sentenza del Tribunale di Rimini che ha associato la vaccinazione anti Morbillo-Parotite-Rosolia [MPR] all’Autismo, a tal punto che si sta verificando un’assoluta mancanza di rispetto nei confronti della famiglia e dell’organo giudicante il quale, contrariamente a quanto erroneamente ritenuto, non ha formulato la sua decisione “fregandosene” della non meglio precisata “comunità scientifica nazionale ed internazionale”.

Lungi da me l’idea di fornire indicazioni legislative che un Avvocato esperto del settore saprà illustrare meglio, però è possibile riassumere in breve alcuni concetti:

1. La prova scientifica è la prova del danno alla salute. Non si pensi che è strettamente necessario rimanere immobilizzati a letto da chissà quale reazione avversa o patologia invalidante per avere la certezza palese di un danno: un danno biologico al DNA, un danno al proprio sistema immunitario o una encefalopatia sono tutti danni permanenti che rimangono [purtroppo] per tutta la vita e rovinano l’esistenza di una persona!

2. La prova giuridica è stabilire il nesso di causalità oltre il ragionevole dubbio. Ovvero “la sussistenza del nesso causale fra un determinato antecedente e l’evento dannoso ben può essere affermata in base ad un serio e ragionevole criterio di probabilità scientifica, soprattutto quando manca la prova della pre-esistenza della concomitanza o della sopravvenienza di altri fattori determinanti“. Così ha certamente agito il Giudice del Tribunale di Rimini Sez. Lavoro in base alla Consulenza Tecnica d’Ufficio [CTU], redatta da un “medico di fiducia”, e alle consulenze Tecniche di Parte [CTP] redatte da altri medici che non rispondono ai nomi di Pippo, Pluto e Paperino come si vuole far credere.

3. Negli ultimi anni, al riguardo, si sono succedute tutta una serie di Sentenze di ogni ordine e grado: dalla Corte di Cassazione alle Corti d’Appello [Milano, L’Aquila etc.], da vari Tribunali [Milano, Napoli, Livorno, Genova, Busto Arsizio, Ravenna, Venezia, Ascoli Piceno etc.], finanche ai TAR e alla Corte dei Conti [implicati soggetti dell'AIFA].

Perchè solamente adesso si grida con “violenza” allo scandalo? – La potenziale dannosità delle vaccinazioni è conosciuta da sempre ed è riportata in migliaia di testi [anche universitari], pubblicazioni, articoli e ricerche scientifiche a tal punto che insistere sul contrario appare francamente bizzarro.


Come scrivevo precedentemente in “Trema la casta italiana dei vaccini“, a quanto pare la questione del conflitto d’interesse non appassiona i giornalisti italiani. Eppure per portare alla luce i conflitti d’interesse finanziari basta una semplice ricerca su internet, nei database che gli addetti ai lavori conoscono molto bene.

Pertanto, non me ne voglia il Board Scientifico del Calendario Vaccinale per la Vita [il cui nome riveste già un palese significato promozionale], sono andato a indagare la mission di questo comitato e ho potuto verificare che gli “autoelettesi esperti di elevato prestigio dell’Igiene e della Sanità Pubblica” sono gli stessi che hanno aderito a delle Consensus Conference per sostenere nuovi vaccini [basta leggere queste 710 pagine di Atti per rendersi conto degli interessi in gioco] e, in occasione di una di queste a Roma, hanno formalmente siglato la proposta congiunta di un calendario vaccinale per la vita da zero a cent’anni che hanno trasmesso alle Istituzioni, tra cui il Consiglio Superiore di Sanità [dove operano "loro" colleghi] e alcune regioni [dove operano altrettanti "loro" colleghi]. Sono gli stessi che hanno inoltre partecipato ad alcuni workshop su vaccini e vaccinazioni promossi dalla direzione Scientifica di Farmindustria a sostegno delle stesse, proprio per dimostrare che le ditte farmaceutiche sono ”loro alleate” nella tutela della salute [???].

La “strana” analogia tra la definizione Board Scientifico del Calendario Vaccinale per la Vita con la definizione della Sanofi Pasteur MSD – I vaccini per la vita - mi porta a ricordare che proprio un vaccino trivalente di quest’ultima [TRIPEDIA, vaccino anti tetano-difterite-pertosse] contiene nel suo foglietto illustrativo [pagina 11 di 13], tra gli eventi avversi segnalati durante l’uso post-approvazione, proprio l’Autismo. La stessa Sanofi Pasteur MSD è impegnata altresì in una campagna denigratoria contro i social network, quasi fosse in atto un crimine di lesa maestà al sacro dogma dell’immacolata vaccinazione.

Appare quindi evidente che il Board Scientifico dimentica come nella ricerca – ed in modo speciale in quella più strettamente connessa con i problemi clinici – gli orientamenti di un ricercatore possono essere diretti e motivati non solo dai problemi conoscitivi o dall’esclusivo desiderio di trovare un rimedio a situazioni morbose, ma “anche da interessi personali o da quelli connessi con le istituzioni di cui quel ricercatore fa parte“.

Tutto questo è ampiamente affermato dal COMITATO NAZIONALE PER LA BIOETICA nel suo rapporto redatto l’8 giugno del 2006, e lo stesso afferma che sono state descritte alcune situazioni che si vengono frequentemente a creare, nelle quali l’obiettività della ricerca e quella dell’informazione scientifica che viene data ai medici, può venir messa in pericolo:

1. L’industria spesso non fornisce ai medici un’informazione neutrale e completa, ma un’informazione già indirizzata, creata nei propri uffici.

2. I farmaci prodotti sono spesso duplicati di altri farmaci già esistenti [i cosiddetti farmaci me-too] che non presentano vantaggi rispetto a questi ultimi e che vengono venduti a un prezzo superiore. L’industria promuove solitamente i medicamenti più recenti e costosi e a tal fine a volte elargisce ai medici vari tipi di “doni” che inducono nei sanitari un atteggiamento incline all’iperprescrizione o alla prescrizione dei farmaci più costosi.

3. L’industria controlla e indirizza la ricerca attraverso i finanziamenti che elargisce all’Università.

4. L’industria a volte interrompe ricerche non favorevoli o ne impedisce la pubblicazione. In altri casi distorce una ricerca in corso, sostituendo gli obiettivi primari con obiettivi surrogati.

5. I ”dati bruti” delle sperimentazioni clinico-farmacologiche rimangono spesso nelle mani dell’industria e non vengono mai messi a disposizione dei ricercatori che li hanno prodotti. A questi ultimi i dati vengono forniti soltanto quando sono stati rielaborati dagli uffici statistici delle aziende.

6. L’industria, in quanto “proprietaria dei risultati”, non pubblica i risultati negativi.

7. Le riviste scientifiche non pubblicano articoli con dati negativi perché di scarso interesse scientifico o commerciale.

8. L’industria condiziona, attraverso la pubblicità, le maggiori riviste mediche, i cui referees spesso hanno rapporti di dipendenza economica dalle aziende.

9. I medici che redigono le rassegne o le Linee-Guida sovente non sono davvero indipendenti dalle industrie.

10. Anche le Pubbliche Amministrazioni spesso non sono indipendenti dalle industrie.

Considerando tutto ciò e l’invito del Board Scientifico al Ministero della Salute di ricorrere in Appello contro la sopra citata Sentenza, dichiarandosi altresì disponibile a mettere a disposizione un’ampia bibliografia scientifica, mi auguro che durante il dibattimento qualche Avvocato formuli la richiesta di acquisire agli atti anche gli “studi scientifici bruti delle sperimentazioni clinico-farmacologiche” che rimangono spesso [occultati] nelle mani dell’industria. Sono certo che ne vedremo delle belle e comprenderemo ancora meglio [se proprio ne abbiamo bisogno] il significato della scomposta reazione del Board Scientifico.

La mancata pubblicazione dei risultati di uno studio non favorevole o scarsamente favorevole ad uno specifico trattamento rappresenta un fattore che distorce le conoscenze complessive della comunità scientifica e pertanto, prima di affermare [erroneamente] che la Sentenza del Tribunale di Rimini Sez. Lavoro è basata su un “falso scientifico“, si dovrebbe considerare anche ciò che si potrebbe definire “falso scientifico legalizzato e cucinato” soprattutto per tutti gli studi che vengono interrotti per manifesta scarsa efficacia della terapia testata o per la presenza di rilevanti effetti collaterali.

Infatti, l’assenza della pubblicazione in letteratura dei risultati negativi di una ricerca produce una gravissima lacuna conoscitiva, sia in ambito sperimentale [permettendo inutili duplicazioni di ricerche simili, con un inaccettabile dispendio di risorse economiche che potrebbero essere destinate ad altri settori], sia in ambito clinico [non consentendo al clinico di conoscere in maniera esaustiva tutte le informazioni necessarie per garantire a ciascun paziente il dovuto binomio "miglior risultato terapeutico/minor esposizione al rischio di avventi avversi"].

silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Lun 16 Apr - 14:09


Adesso, mi accingo a scrivere una lettera di protesta a Dio per tutta questa pioggia che sta buttando in terra..e un'altra a Vodafone per la scarsa qualità della connessione di questi giorni

nel contempo, noto la scarsità di argomenti da trattare, mi permetto di offrire uno spunto alla SIGNORIA VOSTRA su un argomento che ci tocca più da vicino. Mi sono imbattuta in questo articolo quando cercavo informazioni sulla sanità in Puglia. E' possibile avere maggiori informazioni a riguardo...????


HIV/AIDS in Israele - correzioni ed integrazioni


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


mercoledì 30 novembre 2011

Giornata mondiale contro l'HIV/AIDS in Israele - 2/2

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Quest'articolo è stato scritto dal Dott. Itzhak Levi, presidente
dell'Associazione Israeliana di Medicina dell'AIDS e direttore della
clinica AIDS ed MTS del Centro Medico Chaim Sheba di Tel Hashomer (a
sud-est di Tel Aviv).

L'autore fa considerazioni amare sulla terapia dell'HIV in Israele, ma
va ricordato che, secondo questo sito, la prevalenza di HIV+ nella
popolazione generale era nel 2009 dello 0,3% in Italia, e dello 0,2%
in Israele - perciò la prevenzione ha funzionato meglio dall'altra
parte del Mediterraneo.

Però il Dott. Levi è obbligato a raccontare cose raccapriccianti sul
fronte della terapia in Israele.

Mentre in Italia le cose vanno come lui sogna - ovvero,
l'infettivologo ha piena libertà di scegliere il farmaco (o meglio, la
combinazione di farmaci) che ritiene più adatta al paziente, dopo
averlo sottoposto a tutti i test del caso, compresi quelli di
farmacoresistenza e genetici (*) - in Israele si deve per forza
cominciare con l'AZT, e solo se non ha successo passare ad altri
farmaci.

L'AZT fa sempre parte del prontuario terapeutico, ma il suo pregio
principale è che a causa della sua veneranda età (è in vendita dal
1987) costa molto poco; per questo però ha anche i seri effetti
collaterali descritti nell'articolo, e molte persone ospitano virus
che ormai sono resistenti all'AZT.

Anche se Israele ha scelto per la sua sanità un modello simil-
americano (con quattro "Kuppot Cholim = Casse Mutue" in concorrenza
fra loro: Clalit, Leumit, Maccabi, Meuhedet), non si deve dare la
priorità al bilancio anziché alle persone!

Oltretutto, i moderni protocolli terapeutici sintetizzati dalla sigla
HAART (Highly Active Anti-Retroviral Therapy = Terapia antiretrovirale
altamente attiva) prescrivono che un farmaco antiretrovirale non vada
MAI prescritto da solo, ma sempre in combinazione con altri con un
diverso meccanismo d'azione, in modo che, se il virus sviluppa una
mutazione che lo rende resistente ad uno dei farmaci, questa versione
mutata non possa sostituire tutti i virus nel corpo del paziente
perché gli altri continuano ad essere efficaci anche contro quella;
una delle combinazioni più usate si chiama Atripla, e qui potete
leggere quando e come viene usata in Italia come trattamento di prima
linea per chi non ha virus resistenti ad uno dei componenti.

Usare quindi l'AZT da solo, e per giunta come farmaco di prima linea,
è una cosa che appaga solo la fame di soldi delle Kuppot Cholim, ed il
sadismo di non si ritiene a rischio di infezione HIV, non prova alcuna
forma di empatia per le persone HIV+ (perché hanno uno stile di vita
diverso dal proprio), e non gli/le dà alcun fastidio il vedere queste
persone anziché vivere una vita degna ad onta dell'infezione essere
afflitte da seri effetti collaterali mentre si trasformano in macchine
per la replicazione e la diffusione di virus resistenti (**) - l*i è
convinto che quel virus non l* lambirà mai.

Altra cosa spiacevole è questo paragrafo: "Inoltre, mentre il resto
del mondo (compresi i paesi poveri) ha per politica governativa
l'incoraggiare le donne gravide a fare il test HIV, il nostro governo
è cieco. La politica dichiarata in Israele è che non c'è bisogno di
fare il test alle donne che non appartengono ad un gruppo ad alto
rischio. Pertanto, ogni anno in Israele nascono cinque bambini
portatori dell'HIV la cui infezione si sarebbe potuta facilmente
prevenire."

In Italia chiunque può fare il test HIV gratis, in modo anonimo e
senza dare spiegazioni; in Israele, a quanto pare, una donna gravida
per fare quel test deve andare alla sua Kuppat Cholim e dichiarare:
"Faccio la mignotta" oppure: "Mi faccio tutti i giorni di eroina" (il
terzo "gruppo ad alto rischio" nei paesi occidentali, come Italia ed
Israele, è dato dagli uomini che fanno sesso con uomini).

Secondo me, anche chi lo fa davvero si guarda bene dal dirlo - anche
solo per non crearsi problemi con la Kuppat Cholim (il premio base è
uguale per tutti, e la legge vieta alle Kuppot Cholim di rifiutare i
pazienti sulla base della loro storia clinica; ma il divieto legale
viene spesso comunque aggirato, e le prestazioni aggiuntive fanno
parte di pacchetti assicurativi supplementari da pagarsi a parte e che
possono essere apertamente negati ai pazienti più problematici -
dissimulare quindi spesso conviene).

E qui si giunge alla questione dello stigma, che va oltre la
dimensione HIV, ed a cui il Dott. Levi dedica questo paragrafo: "E se
tutto questo non bastasse, mentre nel mondo occidentale l'AIDS è
uscito dal 'closet' da un bel pezzo, in Israele è tuttora una malattia
che molti soffrono in privato. Lo stigma praticamente non è passato e
molti portatori preferiscono evitare di esporsi."

Lo stigma induce a comportamenti imprudenti; per esempio, non si
rivela di essere HIV+ ai propri partner, casuali od abituali, e non si
usa nemmeno il preservativo con questi ultimi per non insospettirli -
e così si rischia di contagiarli; oppure, non si approfitta delle
opportunità di essere curati se si teme di essere scoperti.

E lo stigma va molto oltre la dimensione HIV, per il semplice motivo
che chi stigmatizza le persone HIV+ non dice loro: "Imprudenti!" (che
è già un giudizio spesso avventato - dichiarereste "imprudente" la
donna che non prendeva precauzioni perché era fedele a suo marito, e
non sapeva che lui invece la tradiva?), ma: "Porci!".

Ovvero, lo stigma che colpisce le persone HIV+ è figlio della
sessuofobia e fratello dell'omofobia. Gli specialisti del
"pinkwashing", che cercano di dipingere Israele (o perlomeno la "bolla
di Tel Aviv") come un paradiso per le persone LGBT (e per chi vive il
sesso gioiosamente in generale) si trovano confutati dalla persistenza
di codesto stigma.

E lo stigma diminuisce il peso politico delle persone HIV+, che
diventano così vittime predestinate delle Kuppot Cholim che cercano di
quadrare il bilancio. Inoltre, il fatto che le donne gravide debbano
dichiararsi "ad alto rischio" per sottoporsi al test HIV è una prova
lampante del maschilismo della società israeliana.

E' vero, nel Global Gender Gap Index 2011 Israele è al 55° posto,
mentre l'Italia al 74° - ma uno dei modi caratteristici con cui le
società esprimono il loro maschilismo è il negare alle donne le cure
mediche di cui hanno bisogno per il loro corpo, la loro sessualità e
la riproduzione - come se la medicina dovesse essere tarata
esclusivamente sulle esigenze del paziente maschio. Negare il test HIV
alle donne gravide "non ad alto rischio" che cos'è?

Israele è un paese eccellente nella ricerca biomedica, ma questa
ricerca non sempre si traduce in benessere per la popolazione. La
sanità italiana ha molte pecche di cui giustamente ci lamentiamo, ma
non è per caso che è la seconda del mondo dopo quella francese. Gli
israeliani hanno scelto il modello sbagliato.

Raffaele Ladu



(*) esiste anche la profilassi post-esposizione, in cui si interviene
entro quattro ore da uno scambio di liquidi biologici (tipici esempi:
l'operatore sanitario che si ferisce dopo aver curato una persona HIV
+; oppure uno stupro; oppure un preservativo rotto; oppure un banale
rapporto sessuale non protetto) per impedire che il virus si radichi
nell'organismo; in questo caso, ovviamente, non si ha il tempo di
aspettare diversi giorni per i risultati degli esami di laboratorio, e
si procede con i farmaci a prima vista più efficaci.

Si consiglia ovviamente di non contare troppo sull'efficacia
profilassi post-esposizione, e di usare tutte le norme di prudenza.


(**) Le moderne combinazioni di farmaci, se correttamente assunte,
possono rendere il paziente "aviremico", ovvero con meno di 40 copie
del virus HIV per millimetro cubico di sangue - il che vuol dire non
rilevabili con gli attuali test di laboratorio.

Con una viremia così bassa, il paziente praticamente non è contagioso
- e le linee guida svizzere (non le più prudenti linee guida italiane)
concludono che può addirittura non usare il preservativo.

Con l'AZT da solo l'obbiettivo dell'aviremia non si può raggiungere,
il paziente rimane contagioso, e visto che il virus HIV prima o poi
diventa resistente a qualsiasi farmaco venga usato da solo (ed anche
le combinazioni vanno comunque sostituite dopo qualche anno), i
protocolli terapeutici israeliani servono solo a fare dei pazienti
delle macchine per la replicazione e diffusione di virus resistenti.

Spesso si dice: "Israele non ha il denaro per le cure sofisticate che
si usano in Italia" - vediamo se è vero.

Il PNL pro capite degli italiani è di 30.500 USD, quello degli
israeliani di 29.800 USD, cioè il 97,70% di quello italiano.

Facciamo i conti della serva: in Italia si stima che ci siano 157.000
persone HIV+, e supponiamo che venga loro prescritta la terapia più
costosa: 1.300 EUR al mese, interamente a carico del SSN.

Sono un totale di 204.100.000 EUR al mese, che diviso 60.626.400
italiani sono 3,37 EUR al mese di solidarietà con le sorelle ed i
fratelli meno fortunati.

In Israele lo 0,2% di persone HIV+ su una popolazione di 7.798.600
persone eqivale a circa 15.600 persone HIV+.

A dare a tutte loro la cura più costosa, si spenderebbero 20.280.000
EUR al mese, ovvero 2,60 EUR per israeliano.

Qualcuno mi spiega perché in Italia nessuno si lamenta del suo obolo
mensile di 3,37 EUR, mentre pare politicamente improponibile far
pagare ad ogni israeliano 2,60 EUR al mese (il 77,15% dell'obolo
italiano pro capite, in un paese che ha il 97,70% del PNL italiano pro
capite), sebbene curare i malati sia una grande mitzwah?
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Lun 16 Apr - 14:40

Gex..avrei un'altra richiesta da farti.... Non è che puoi chiedere al nostro server se riesce a reindirizzare gli utenti che mi cercano e non mi trovano nel dorum qui su PLUS??? Tipo: uno clicca sul mio nome che persiste a comparire sul dorum e invece che uscire "utente inesistente" "utente trasferito su hivplus"?? queen Sai, questa storia mi sta facendo perdere un sacco di contatti utili alla mission PRO-MARITO Twisted Evil Poi del resto ormai tutte le compagnie telefoniche lo offrono come servizio!!! Basketball Dai...fammi sapere quello che riesci a fare!!! study Rolling Eyes
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da daniele(exmi) Mar 17 Apr - 11:36

Silenceeeeeeeeeeeeeeeeeeee scusa se mi permetto ma secondo te fa vedè da un bun!!!!!!!!!!!!!!

What a Face

daniele(exmi)

Messaggi : 209
Data d'iscrizione : 21.03.12
Località : puglia

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da Gex Mar 17 Apr - 20:07

Gex..avrei un'altra richiesta da farti.... Non è che puoi chiedere al nostro server se riesce a reindirizzare gli utenti che mi cercano e non mi trovano nel dorum qui su PLUS???

Sile non ho nessun rapporto col nostro server... ne' corrispondenza.. e non saprei come fare..
Shocked
Hai qualche amico informatico?
Rolling Eyes
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Mar 17 Apr - 20:11

mannaggia...che peccato!!!! afro study lol!
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Gio 19 Apr - 20:56


Vaccini e Autismo – La lettera di un avvocato
Facciamola finita con la truffa dei vaccini! ndr Stampa Libera

Spettabili Redazioni di Rainews 24 e di Ippocrate,
vi scrivo, rispettivamente, in qualità di padre di un bimbo che ha sviluppato una “encefalopatia post-vaccinica con quadro clinico della sindrome autistica, come vicepresidente del Comitato Montinari Umbria Onlus ed infine come legale che da anni si batte in tutta Italia per la tutela dei soggetti danneggiati dalle vaccinazioni, per lamentare quanto segue.
La trasmissione di Ippocrate – Il diritto alla salute, di alcuni giorni orsono ha lasciato me e migliaia di famiglie italiane danneggiate dalle vaccinazioni e soprattutto dal vaccino MMR Morupar assolutamente sgomenti sia per i contenuti che per i toni utilizzati non solo dalla Dirigente del Ministero della Salute (che tutela gli interessi del suo datore di lavoro- Ministero, dimenticando quelli dei suoi tanti datori di lavoro – i contribuenti) ma soprattutto dal conduttore.

La sola circostanza che la trasmissione prevedesse la partecipazione, come unico ospite, del Ministero della Salute senza alcun altro interlocutore a rappresentare l’opinione ripresa dal Tribunale di Rimini sarebbe dovuta essere già di per sè sufficiente a consigliare ad un conduttore che sapesse fare il proprio mestiere di mantenersi quanto meno “neutrale” rispetto alle tesi prospettate dall’ospite anzichè sposarle integralmente ed anzi fungere da “suggeritore”. Soprattutto perchè tali tesi sono nella stragrande maggioranza dei casi non veritiere e per il resto parziali.
In primo luogo la trasmissione è stata estremamente offensiva nei confronti di un magistrato che ha svolto con professionalità il proprio lavoro e che non ha avuto la possibilità di replicare di frinte ad attacchi gratuiti quanto ingiustificati. Il Giudice, contrariamente a quanto possa pensare chi non conosce certi meccanismi giuridici (o fa finta di non conoscerli) non ha preso una decisione “in barba” alla non meglio precisata “comunità scientifica nazionale ed internazionale” in quanto:

1). il Giudice ha basato il suo giudizio sulla Consulenza Tecnica d’Ufficio (CTU) redatta da un medico di sua fiducia oltre che sulle consulenze Tecniche di Parte (CTP) redatte da altri medici tra le quali, è bene ricordarlo, quella del Dott. Massimo Montinari per la famiglia del bimbo.

2). la potenziale dannosità delle vaccinazioni è conosciuta da sempre e riportata in centinaia di testi (anche universitari), pubblicazioni, articoli e ricerche scientifiche per cui insistere sul contrario appare francamente ridicolo. Se in tutto il mondo civile esistono leggi che indennizzano il danno da vaccino è del tutto evidente che i vaccini possano arrecare danni; non mi è ancora capitato di trovare una normativa che indennizzi il danno da “acqua fresca”! Perché negli USA si sarebbero presi la briga di creare ben tre enti per il controllo del danno (FDA, CDC e VAERS), avrebbero creato le tabelle del Vaccine Advers Event Reporting System relative sia alla tipologia di danno che può conseguire da ogni singolo tipo di vaccino sia ai tempi di latenza, ed infine avrebbero creato un apposito tribunale speciale ove dirottare tutte le cause di risarcimento danni?

Persino le Commissioni Mediche Ospedaliere (CMO) deputate al riconoscimento del danno da vaccino parlano di “…episodi probativi per una qualsivoglia ripercussione organica focale e/o generalizzata a carico del sistema nervoso centrale o periferico, che costituiscono le comuni riconosciute complicanze post-vaccinali”

3). ogni qual volta si parla di danno da vaccino gli “esperti” si limitano a citare unicamente quanto accaduto al Dott. Wakefield tralasciando alcuni non trascurabili particolari tra i quali:

a. lo studio del medico inglese è stato messo all’indice per presunte violazioni relative alle procedure seguite e non perché vi fossero prove della sua non rispondenza a verità; tanto è vero che, ad oggi, le tesi del Dott. Wakefield in merito alla correlazione tra vaccinazione MMR, mercurio e danni a livello nerurologico-immunitario da una parte e quelle legate alle problematiche gastrointestinali che affliggono i soggetti autistici denominate “enterocolite autistica” o “Gluten sensitivity” dall’altra non solo non sono state sconfessate ma sono state addirittura confermate da una serie di studi successivi; evidentemente non era poi così falso!

b. è in corso la revisione dell’intera vicenda anche il considerazione dello scandalo relativo ai falsi scoop che ha colpito i media facenti capo al magnate Murdoch nel luglio 2011, tra i quali quel Sunday Times presso il quale lavorava il giornalista Brian Deer, autore del “presunto scoop” che ha portato all’incriminazione del Dott. Wakefield tanto è vero che il giornalista è stato denunciato e che il Prof. John Walker-Smith, all’epoca collaboratore del Dott. Wakefield, nello scorso mese di marzo è stato riabilitato dalla High Court of London. Vale la pena ricordare come lo stesso giornale nel 1978 fu implicato in un altro falso scoop relativo agli altrettanto falsi diari di Hitler; errare è umano, perseverare…

4). I detrattori della sentenza dimostrano una scarsa – per non dire nulla – conoscenza dei progressi scientifici degli ultimi anni sulla materia, tra i quali le accertate correlazioni tra virus attivi e danni neurologico-immunitari che si palesano in tutta una serie di gravissime patologie; in questo senso, tra gli altri, gli studi del premio Nobel 2008, Prof. Luc Montagnier, sullo stress ossidativo e sulla possibile correlazione tra virus e gravissime patologie come il morbo di Alzheimer, quello di Parkinson, l’Autismo etc.

5). Gli stessi detrattori, così poco aggiornati sulla materia a loro più affine, dimostrano ancor minor conoscenza di quanto previsto dalla legge 210/92 sull’indennizzo per danno da vaccino relativamente ai poteri conferiti al Giudice. In primo luogo, trattandosi di materia assistenziale, dovendosi contemperare l’interesse della comunità (?) ad una copertura vaccinale di massa che – come per gli animali – non prevede esami preventivi tesi a verificare la potenziale dannosità del farmaco, con la possibilità di arrecare danni a taluni soggetti intesi come “vittime innocenti” di una guerra che non hanno né dichiarato né voluto combattere, il legislatore prima e quindi la giurisprudenza hanno previsto che l’indennizzo possa essere riconosciuto anche in mancanza di una precisa e puntuale prova della correlazione dovendo rispondere ad una sorta di “solidarietà sociale”. Quindi, trattandosi di materia per la quale è oggettivamente difficile riuscire ad addivenire ad una certezza assoluta dell’accaduto, è data la possibilità al Giudice di valutare l’accaduto sulla scorta di una serie di criteri la presenza dei quali possano far ritenere la correlazione vaccinazione-danno “più probabile che non”.

E pensare che certi professori dovrebbero sapere che, prima di parlare e di scrivere, sarebbe il caso di studiare ed informarsi!

6). Fortunatamente, la tanto vituperata sentenza del Tribunale di Rimini, contrariamente a quanto erroneamente ritenuto dai suoi critici, non è stata certo la prima e (speriamo) non sarà l’ultima non solo ad aver riconosciuto la correlazione tra vaccinazione e danno in generale ma soprattutto tra vaccinazione e quello che viene impropriamente quanto semplicisticamente definito “Autismo”. Negli ultimi anni, infatti, si sono succedute tutta una serie di sentenze da parte della magistratura di ogni tipo: dalla Corte Costituzionale alla Corte di Cassazione, dalle Corti d’Appello (Milano, L’Aquila etc.) ai Tribunali (Milano, Napoli, Livorno, Genova, Busto Arsizio, Ravenna, Venezia, Ascoli Piceno etc.) e, indirettamente, persino TAR e Corte dei Conti.

Evidentemente, anche in questo caso, come relativamente ai progressi scientifici, i “critici” di cui sopra erano troppo distratti da altri interessi per accorgersi di ciò che stava avvenendo. In tal caso, però, non ci si può esimere dal rilevare come sia oggettivamente difficile nutrire una qualche forma di fiducia in soggetti i quali, benché autodichiaratisi “…figure di elevato prestigio dell’Igiene e della Sanita’ Pubblica, della Medicina Generale, della Pediatria territoriale-ospedaliera ed universitaria facenti capo a Societa’ Scientifiche ed Associazioni Mediche…”, si dimostrino così poco attenti al mondo che ruota loro intorno; e pensare che questi dovrebbero essere “i migliori” e che – come oramai divenuto un pessimo uso in questo disastrato Paese, mutuato da certi politicanti – vorrebbero addirittura ergersi a giudici dei giudici!

Perché quindi così tanto accanimento contro una sentenza che non ha detto nulla di più o di diverso da altre precedenti? Probabilmente perché, alla luce della mutata consapevolezza dei rischi collegati alle vaccinazioni in capo a buona parte della popolazione[1], per la prima volta certi “interessi” e certe “certezze” iniziano a scricchiolare; da qui la forte controffensiva messa in piedi negli ultimi mesi dalle multinazionali del farmaco unitamente al Ministero della Salute ed al Servizio Sanitario nazionale per evitare questo continuo “smottamento”.

Riflettendo ancora sulla “violenza dell’intervento” e sul citato “interesse per la vita”, viene naturale chiedersi dove fossero questi luminari quando case farmaceutiche, Ministero della Salute, Agenzia Italiana del Farmaco etc. immettevano frettolosamente in commercio farmaci e vaccini risultati dannosi per la salute[2]; dove fossero quando il nostro Paese disattendeva le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in tema di sospensione della vaccinazione antipolio a partire dal 2000[3]; dove fossero quando i medici e paramedici vaccinatori non rispettavano le direttive dei vari Piani Nazionali Vaccinazioni relativamente all’obbligo di informare sui possibili rischi correlati alle vaccinazioni; dove fossero quando personale medico e paramedico non effettuava la prevista accurata anamnesi pre-vaccinale; dove fossero quando migliaia di famiglie si recavano dai propri pediatri o presso i vari servizi di Pronto Soccorso per lamentare nei propri figli febbri altissime e persistenti, crisi epilettiche, problemi neurologici, gravi erezioni cutanee, crisi respiratorie, pianto persistente, problemi gastrointestinali, insorgenza di sintomatologie corrispondenti alle forme virali appena iniettate etc. ottenendo, anziché una denuncia di reazione avversa a vaccino, la semplice risposta “non è nulla, gli dia una tachipirina e tutto passa” per poi ritrovarsi a distanza di ore o giorni il figlio esanime tra le braccia oppure gravemente disabile!

Continuando con le citazioni, Oscar Wilde diceva che la necessità di voler (dover) parlare per forza e la mancanza di argomenti validi è sempre fonte di disastri.

In questo caso, si sarebbero potuti risparmiare ogni commento anche se è facile comprendere come in certi ambienti sentano via via franare sotto di loro il terreno; d’altra parte, ogni castello costruito artificiosamente sulle fondamenta instabili della menzogna e dell’ignoranza è destinato a crollare!

Dispiace solo che i mass media, come nel caso di specie la Vostra trasmissione, si prestino a cercare di “salvare” tale castello dal meritato crollo.

Confido che Vogliate consentirci la necessaria replica nell’ambito della Vostra programmazione

Avv. Roberto Mastalia

[1] Uno studio del 2011 commissionato da Sanofi Pasteur MSD, riportato da un articolo di Altroconsumo, ha accertato come oltre il 90% dei soggetti che trattano l’argomento vaccinazioni in internet nell’ambito di forum e social network ne parla in maniera fortemente negativa.

[2] Sintomatica a tal proposito la storia del vaccino MMR in generale e del MMR Morupar in particolare che si riporta qui di seguito.

[3] L’OMS ha deciso da anni la graduale sospensione della vaccinazione antipolio a partire dal 2000. Inspiegabilmente, nonostante in Italia l’ultimo caso di polio sia del 1982, il Ministero della Salute ha deciso di attendere fino al 2003-2004; siamo nel 2012 ed è rimasto tutto invariato!

Fonte:
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]



silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Gio 19 Apr - 21:10

Correlazioni tra vaccini e tumori: parla un medico

- Dott. Marcello Caselli
Medico chirurgo
Spec. in Farmacologia applicata


Attualmente vediamo sempre più bambini affetti da tumori ( leucemie, linfomi, tumori del cervello, etc) e questa nostra constatazione è confermata dalla pubblicazione del Rapporto2008 AIRTUM (ASSOCIAZIONE REGISTRO TUMORI) relativo al periodo di osservazione 1988-2002. Nel Rapporto sono in aumento i tre tumori più frequenti nell’infanzia: leucemie (+ 1,6 % annuo ), linfomi (+ 4,6 % annuo), tumori del sistema nervoso centrale ( + 2,0 % annuo). Queste percentuali sono più alte se confrontate con i dati degli altri paesi d’Europa e degli USA. Una possibile spiegazione potrebbe ricercarsi nell’obbligo vaccinale esistente ancora in Italia, a differenza degli altri paesi? Potrebbe esserci, in altri termini, un rapporto di tipo causale tra vaccinazioni e tumori? Qui occorre fare una doverosa premessa: le stesse case farmaceutiche non escludono nei loro foglietti illustrativi tale rapporto ed affermano di non aver eseguito tests per la cancerogenicità neppure sugli animali. Le diciture riportate nei suddetti foglietti lo evidenziano : “Non è stato valutato per questo vaccino il potenziale carcinogeno, mutageno e di danni alla fertilità”; “Studi a lungo termine non sono stati condotti per valutare il potenziale cancerogeno, mutageno e di danni alla fertilità”. Quindi se, in mezzo secolo, non sono stati fatti questi studi (neppure sugli animali!), come si fa ad escludere tale nesso di causalità e ad affermare che i vaccini sono innocui? Gli studi sono tutti a breve termine (cioè, della durata di pochi giorni) e mancano studi a medio e lungo termine (della durata di mesi ed anni). Da un punto di vista statistico, i tumori sono più frequenti nei soggetti vaccinati o in quelli non vaccinati? Anche a questo riguardo non vi sono, purtroppo, ricerche in cui vi sia un confronto tra “vaccinati” e “non vaccinati“. Nel corso dell’ultimo secolo vi sono stati medici che hanno intuito, in base alla loro esperienza professionale, il possibile ruolo causale delle vaccinazioni nell’insorgenza dei tumori:

“Cancer was practically unknown until vaccination began to be introduced” (Dr. W.B. Clark, NY Press 1/26/1909 ); [Trad: "Il cancro era praticamente sconosciuto prima che fosse introdotta la vaccinazione"]
“I am convinced the increase in cancer is due to vaccination.” (Dr. Forbes Laurie, Medical Director, Metropolitan Cancer Hospital, London ); [Trad: "Sono convinto che l'aumento dei casi di cancro sia dovuto alle vaccinazioni"]
“I have no hesitation in stating that in my judgment the most frequent disposing condition for cancerous development is vaccination and re-vaccination” (Dr. Dennis Turnbull, 30 year Cancer Researcher, ‘Vaccines: Are They Really Safe & Effective’ N. Miller ); [Trad: "Non ho alcuna esitazione ad affermare che, a mio giudizio, la condizione più frequente per lo sviluppo canceroso è la vaccinazione e il richiamo"]
“Vaccination also causes leukemia to break out.” ( Dr. B. Duperrat, Presse Medicale , Paris, France 3/12/55 ); [Trad: "La vaccinazione causa anche manifestazioni di leucemia"]
Sebbene da parecchi decenni, insomma, vi siano segnalazioni di malattie tumorali in soggetti vaccinati, si evita di effettuare ricerche; anzi dagli anni ‘90 il loro numero si riduce sempre più. Evidentemente non si vogliono mettere in discussione i programmi di vaccinazione di massa a cui sono sottoposti i civili e i militari. Si tenga presente che i militari ed i bambini sono tra le categorie più coinvolte nelle vaccinazioni di massa e, quindi, più esposte ai danni da vaccino. Malgrado queste carenze delle aziende farmaceutiche vi sono numerosi studi su una probabile correlazione tra vaccinazioni e tumori. Sul notiziario di legatumori senese (del Nov-Dic 2008) si legge: “Per riportare la letteratura scientifica mondiale sui rapporti tra reazioni alle vaccinazioni e insorgenza dei tumori occorrerebbe un Notiziario di centinaia, se non di migliaia di pagine”.
E, dopo aver riportato alcuni studi, sullo stesso notiziario: “Ci fermiamo qui, perché l’ulteriore documentazione è imponente. Infatti ci sembra sufficiente a giustificare il nostro impegno statutario per cercare di prevenire l’insorgenza di tumori come conseguenza di vaccinazioni. E non solo nei militari.”
E non solo nei militari (sic!). In un’intervista il prof. Franco Nobile, docente in Semeiotica Chirurgica e specialista in Oncologia, autore di numerose pubblicazioni scientifiche e con importanti cariche nel campo della prevenzione oncologica, ha affermato: “Le nostre ricerche sulle possibili cause dell’accertato turbamento delle difese immunitarie hanno prioritariamente iniziato ad indagare su quei farmaci che ci vengono somministrati sin dai primi mesi di vita per potenziare proprio il nostro corredo immunitario: i vaccini.” Alla domanda dell’intervistatore “Allora, egregio Professore, il suo pensiero nelle ricerca delle cause delle insorgenze tumorali tra i militari impiegati in missione all’estero è di assoluzione per l’uranio impoverito mentre colloca tra gli indiziati i vaccini o, piuttosto, le modalità d’uso e di conservazione degli stessi e i relativi tempi di inoculazione. E‘ così?”, il prof. Nobile ha replicato: “Lo sa perché in USA le compagnie non assicurano più per danni alla salute provocati dai vaccini? Perché ormai sono largamente documentati i legami tra certe vaccinazioni e l’insorgenza di malattie autoimmuni e di tumori…”.
Sarebbero clinicamente accertati, dunque, legami tra certe vaccinazioni e l’insorgenza di cancri, dalle leucemie ai linfomi di Hodgkin e non Hodgkin; lo confermerebbe anche uno studio dell’Istituto per i Tumori Mario Negri di Milano che ha messo sotto accusa soprattutto le vaccinazioni antipolio e anti-tbc.
Nel gennaio del 2006, davanti alla Commissione parlamentare d’inchiesta sulle problematiche correlate alle vaccinazioni, il dott. Valerio Gennaro, medico epidemiologo ed oncologo – Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro (IST) di Genova- ha dichiarato: “Il problema della formaldeide: attualmente è accertata come sostanza cancerogena, quindi è passata dal livello di cancerogeno umano “probabile” a quello di “certo”. L’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), nel 2006, basandosi in gran parte, ma non esclusivamente, sui risultati di uno studio condotto dal National Cancer Institute (NCI), ha classificato la formaldeide (sostanza contenuta anche in diversi vaccini) come noto cancerogeno umano. Ha anche concluso che c’erano dati per collegare l’esposizione per inalazione di formaldeide alla leucemia. Successivamente, in una sua pubblicazione del 2009, ha ribadito che per la formaldeide viene confermata la valutazione di cancerogenicità per l’uomo in classe 1 (cioè, sostanze sicuramente cancerogene) e ne ha sottolineato la pericolosità per lo sviluppo di diverse malattie tumorali, tra le quali la leucemia : “…la formaldeide può causare anomalie nelle cellule del sangue, anomalie che sono caratteristiche dello sviluppo della leucemia”. A questo punto si impone una riflessione inquietante. Questa sostanza, presente in diversi vaccini in forma liquida, in una forma ,cioè, molto più concentrata rispetto alla forma gassosa, viene somministrata per iniezione (saltando tutte le barriere difensive del sistema immunitario) ai nostri bambini – anche ai più piccoli- e ai nostri militari. Non solo. Poi non viene fatto in maniera sistematica neppure il controllo di questi vaccinati nel tempo.



Fonte: L’ALTERNATIVA

silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Ven 20 Apr - 19:49

ringrazio uffa per avermi concesso un vero ban..oltre alla modifica della password.. Cool
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da bluevelvet Ven 20 Apr - 20:07

anche io bannata stasera cheers grazie uffa!
sile, hai notato che viaggiamo sempre a coppia? lol!
Al di là che mi hanno fatto solo un piacere, dev'esserci stata nei nostri confronti una valutazione peggiorativa stasera scratch bounce bounce bounce
bluevelvet
bluevelvet

Messaggi : 588
Data d'iscrizione : 21.03.12

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da silence Ven 20 Apr - 20:15


..blu.. è grazie alle tue raccomandazioni che mi trovo in questa situazione!!! Razz per cui fino a quando non ne farai una anche qui a plus...continuo a scrivere!!! Wink Very Happy lol!
silence
silence

Messaggi : 1970
Data d'iscrizione : 13.03.12
Età : 45
Località : bologna

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da bluevelvet Ven 20 Apr - 20:19

perlomeno è la dimostrazione che hanno fatto sempre tutto il contrario di quel che dicevo io (lettera compresa) lol!
bluevelvet
bluevelvet

Messaggi : 588
Data d'iscrizione : 21.03.12

Torna in alto Andare in basso

....e invece parlo... - Pagina 2 Empty Re: ....e invece parlo...

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Successivo

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.