Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Nuovo Studio riscontra stabili le nuove diagnosi di HIV e la resistenza ai farmaci.

Andare in basso

Nuovo Studio riscontra stabili le nuove diagnosi di HIV e la resistenza ai farmaci. Empty Nuovo Studio riscontra stabili le nuove diagnosi di HIV e la resistenza ai farmaci.

Messaggio Da Gex Gio 27 Ott - 14:04

Nuovo Studio riscontra stabili le nuove diagnosi di HIV e la resistenza ai farmaci.

I risultati di un recente studio svoltosi a San Francisco, suggeriscono che i tassi di nuove diagnosi di HIV e di resistenza ai farmaci sono rimasti stabili dal 2004 al 2006.

I risultati mostrano anche che quasi il 60 per cento di varianti resistenti ai farmaci HIV osservate in soggetti con nuova diagnosi sono resistenti agli inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversa.

"I risultati dello studio evidenziano l'importanza di condurre test di resistenze ai farmaci, sopratutto al momento della diagnosi da HIV al fine di orientare le decisioni terapeutiche", ha affermato Hong-Ha Truong, professore associato di Medicina presso l'Università di San Francisco e autore principale dello studio .

Gli autori dello studio hanno osservato che l'alta percentuale dei casi resistenti agli inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversa (NNRTI) è un dato preoccupante, poiche' il NNRTI Sustiva (efavirenz) è un componente di Atripla (efavirenz / emtricitabina / tenofovir), il farmaco più comunemente prescritto per i pazienti iniziare la terapia antiretrovirale.
Gli NNRTI dovrebbero essere evitati se le mutazioni conferiscono resistenza a questa classe di farmaci vengono rilevati", ha detto il Dott. Truong.

Tuttavia, gli autori hanno anche osservato che i risultati di questo studio non possono necessariamente essere veri per le popolazioni che vivono in altre zone della terra, perché gran parte dei partecipanti allo studio sono stati uomini che fanno sesso con altri uomini.

In persone sieropositive che assumono farmaci antiretrovirali, le mutazioni del virus HIV possono portare allo sviluppo di farmaco-resistenze dovute alle varianti del virus.

Queste forme resistenti di HIV possono essere trasmesse da una persona all'altra, rendendo la persona infetta non piu' rispondente ad alcuni farmaci antiretrovirali.
La resistenza ai farmaci nelle persone con nuova diagnosi da HIV è chiamata resistenza ai farmaci.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che anche bassi livelli di HIV resistenza ai farmaci può aumentare il rischio di fallimento del trattamento di due o tre volte (vedi relativi AIDS Beacon news).
In questo studio, i ricercatori dell'Università di San Francisco avevano il fine di individuare lo stadio dell'infezione (acuta, recente o lungo termine) delle persone con nuova diagnosi di HIV e descrivere il tasso di resistenza ai farmaci trasmessi.

I ricercatori hanno anche cercato i fattori genetici e gli stili di vita che sono stati associati con lo stadio dell'infezione e la resistenza ai farmaci trasmessi.
Gli autori dello studio hanno analizzato i dati raccolti da 9.868 persone che hanno utilizzato il counselling volontario HIV e il programma di trattamento nell' ospedale di San Francisco per le infezioni a trasmissione sessuale.
Quasi l' 85 per cento dei partecipanti erano uomini, il 69 per cento sono stati tra i 25 ei 44 anni di età, e il 54 per cento erano caucasici.
La maggior parte dei soggetti inclusi nell'analisi (73 per cento) sono stati uomini che fanno sesso con uomini.
Tra gli individui che sono risultati positivi per l'HIV, quelli che avevano ancora bassi livelli di anticorpi anti-HIV nel sangue sono stati classificati come recentemente infettati, il resto sono stati definiti come infetti a lungo termine.

Gli individui che sono risultati negativi per l'HIV sono stati sottoposti a test più sensibili per la ricerca di materiale genetico virale nel sangue.
Ciò ha contribuito a identificare i soggetti che erano stati infettati con HIV così recentemente che il loro sistema immunitario non aveva ancora fatto gli anticorpi contro di essa (infezione acuta).
"Il test infezione acuta è importante perché identifica le persone con HIV durante un periodo altamente infettivo", ha detto il Dott. Truong.
I virus da individui di nuova diagnosi sono stati poi sottoposti a screening per le mutazioni che li rendevano resistenti a diverse classi di farmaci antiretrovirali.

I risultati hanno mostrato che l'incidenza di nuove diagnosi di HIV, le infezioni acute, infezioni recenti, e la resistenza ai farmaci trasmessi sono rimaste stabili dal 2004 al 2006.
Tuttavia, un'analisi separata di uomini che hanno sesso con altri uomini ha rivelato un numero crescente di casi di HIV in questo gruppo.
Circa il 4 per cento dei soggetti analizzati erano sieropositivi. Di questi, il 59 per cento sono stati a lungo termine infetti, il 34 per cento sono stati recentemente infettati, e l'8 per cento sono stati infezione acuta.
Il Genere maschile, il consumo di anfetamine, il sesso con partner sieropositivo , il ceppo Afro-americano, e una storia di gonorrea sono stati associati ad un aumentato rischio di infezione recente.

I risultati dello studio ha anche indicato la presenza di resistenza ai farmaci trasmessi nel 13 per cento degli individui di nuova diagnosi. Tra gli individui con resistenza ai farmaci trasmessa, il 77 per cento erano uomini che fanno sesso con gli uomini.
Quasi il 60 per cento delle mutazioni osservate resistenza conferito a NNRTI. Circa il 30 per cento delle mutazioni fornito resistenza a inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa e un altro 30 per cento agli inibitori della proteasi.

La proporzione di casi con resistenza agli inibitori della proteasi e' aumentata nel tempo.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.