Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Nuovo studio: ridotti fallimenti terpeutici in HIV AIDS

Andare in basso

Nuovo studio: ridotti fallimenti terpeutici in HIV AIDS Empty Nuovo studio: ridotti fallimenti terpeutici in HIV AIDS

Messaggio Da Gex Lun 10 Ott - 21:23

Antivirali leader di sovratensioni in livelli non rilevabili di HIV
Drug Discovery & Development - 10 ottobre, 2011

Un nuovo studio attraverso i rapporti statistici dimostra che c'è stato un notevole miglioramento nella capacità della terapia antiretrovirale per tenere sotto controllo l'HIV nell'Europa occidentale negli adulti europei con fallimento virologico, negli ultimi dieci anni.

Gli autori sostengono che questo effetto può essere il risultato di numerosi nuovi farmaci introdotti in questo stesso periodo che sono più tollerabili, più facile da usare, e sopratutto piu' attivi contro le varianti di virus Hiv resistente ai tipici farmaci di prima linea e seconda linea.

Dal 1998, a tutti i pazienti è stato raccomandato di iniziare la terapia antiretrovirale (ART), con tre o più farmaci da due o più classi diverse al fine di ridurre significativamente la carica virale e di sopprimere la replicazione di HIV e lo sviluppo della resistenza ai farmaci. Purtroppo fino a poco tempo, le opzioni terapeutiche a disposizione erano limitate per gli individui che sviluppavano resistenza ai farmaci da ciascuna delle tre classi originali, nota come tripla classe fallimento virologico (TCVF).

Per valutare se vi sia stato un miglioramento degli esiti per le persone con TCVF negli ultimi dieci anni, grazie allo studio (Platone II) gli investigatori hanno analizzato i dati coerenti dai database (una coorte di 33 studi osservazionali di HIV in Europa). L'analisi ha incluso 91 764 adulti, di cui 2476 TCVF.

Grazie alla modellazione si è riusciti a valutare le tendenze in soppressione virologica (una carica virale inferiore a 500 copie per ml), dopo aggiustamento dei fattori che potrebbero influenzare la probabilità di risposta virologica tra i quali il sesso, la modalità di trasmissione, età, presenza di AIDS, e conta dei CD4. L'incidenza di AIDS o di morte dopo TCVF è stato anche calcolato.

Quasi uno su cinque pazienti ha raggiunto livelli non rilevabili di HIV dopo TCVF nel 2000, che aumentava a quasi tre su cinque pazienti nel 2009. Gli autori fanno notare che la tendenza per un miglior risultato virologica è stata più forte nel 2008 e nel 2009, subito dopo quattro nuovi farmaci sono stati approvati in Europa.

L'incidenza di qualsiasi evento AIDS è scesa dal 7,7 per 100 persone-anno tra il 2000 e 2002-2,3 nel 2008 e 1,2 nel 2009.

"Il numero di persone con infezione da HIV resistenti aumenterà il numero delle persone che ricevono un aumento Haart.
Di particolare preoccupazione è il fatto che i programmi clinici per l' HIV nello sviluppo di nuovi farmaci sono rallentati negli ultimi due anni", spiega Jens Lundgren, Copenhagen University Hospital, e Jeff Lazzaro, dell'Università di Copenaghen.

I due ricercatori ottolineano inoltre, la necessità di accesso per tutti a farmaci meno tossici e più accessibili sopratutto in Africa sub-sahariana e orientale. "Poiché l'accesso alla Haart sebbene sia aumentato tuttavia una percentuale significativa di persone che vivono con l'HIV in queste regioni ancora sono senza Haart.
Sappaimo che questo e' inconpatibile con la loro condizione di HIV positivi e la trasmissione di HIV resistenti negli altri.
Il Riconoscimento del problema e l'innovazione per affrontarlo sono vitali per questo. "

Lo studio è stato pubblicato online sulla rivista Lancet Infectious Diseases.

Data di uscita: 9 Ott 2011
Fonte: Copenhagen University Hospital

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.