Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

2009, Sep 20-L'HIV usa numerose strategie per sfuggire la pressione immunitaria

Andare in basso

2009, Sep 20-L'HIV usa numerose strategie per sfuggire la pressione immunitaria Empty 2009, Sep 20-L'HIV usa numerose strategie per sfuggire la pressione immunitaria

Messaggio Da Rafael Dom 17 Lug - 16:29

Uno studio su come l'HIV muta in risposta al sistema immunitario dei ricercatori dell'Emory Vaccine Center dimostra che io virus puo' prendere diverse vie di fuga, non solamente una direzione preferita.
Il sistema immunitario umano ha l'abilita' di potenziarsi temporaneamente nell'infezione precoce dell'HIV. Una ricerca recente ha dimostrato che i pazienti recentemente infettati sviluppano anticorpi neutralizzanti. Questi sono proteine del sangue che si dirigono sul virus e permetterebbero ai pazienti di difendersi- se fronteggiassero solo un obiettivo.

Il problema: l'abilita' dell'HIV di mutare, mimetizzandosi abbastanza per sfuggire agli anticorpi. L'HIV alla fine conduce il sistema immunitario all'esaurimento.
La squadra dell'Emory indica che se i ricercatori riuscissero ad identificare un componente vaccino che possa stimolare gli anticorpi neutralizzanti, la capacita' dell'HIV di mutare rapidamente potrebbe ancora essere un fattore di confusione.

Un singolo tipo di anticorpo neutralizzante potrebbe non essere sufficicenteb a contenere l'HIV dice l'autore senior Cynthia Derdeyn PhD , proifessore associato di patologia all'Emory University School of Medicine.
"Questi anticorpi neutralizzanti lavorano veramente bene- colpiscono il virus velocemente e duramente- dice. "Ma alla fine, ogni volta che guardiamo, il virus sfugge."

Derdeyn e i suoi colleghi collaborano con il programma di salute pubblica diretto da Susan Allen professoressa del Global Health all'Emory Rollins School di salute pubblica, che arruola coppie eterosessuali con un partner sieropositivo in Zambia. Il programma fornisce migliaia di coppie di assistenza e profilattici ogni tre mesi. Nonostante queste misure, un basso livello di trasmissione di HIV ancora perdura.

La collaborazione ha permesso alla squadra di prendere campioni di sangue alcune settimane dopo l'infezione e poi piu' tardi quando sono continuate le risposte immunitarie dei partecipanti. I ricercatori senior Rong Rong e Bing Li hanno isolato virus individuali nei primi due anni dell'infezione HIV e hanno sperimentato quanto gli anticorpi propri del paziente potevano neutralizzarli.

"In un paziente dove abbiamo prelevato campioni molto presto c'era una prova che gli anticorpi neutralizzanti sono sorti in settimane ed e' molto prima di quanto si pensasse precedentemente" ha detto Derdeyn.

Nei pazienti , alcuni virus mutavano parte delle loro proteine esterne cosi' che dopo la mutazione, un enzima probabilmente attaccava una molecola di zucchero ad esso. Lo zucchero interferisce con l'attacco degli anticorpi. Tuttavia questa tattica, conosciuta come lo "scudo glicano" non era stata osservata in tutti i casi. Altri virus mutavano la parte esterna della proteina che gli anticorpi neutralizzanti attaccavano direttamente. In entrambi i pazienti,erano necessari molti cambi nel codice genetico del virus per sfuggire.

"Abbiamo necessita' di capire i precoci eventi della risposta immunitaria se intendiamo immaginare cosa dovrebbe fare un potenziale vaccino." dice Derdeyn " Quello che possiamo dimostrare permettera' ai ricercatori di scegliere le parti migliori da mettere in un vaccino.

Questo significa che per essere immune all'infezione HIV, si potrebbe aver bisogno di numerosi tipi di anticorpi neutralizzanti pronti a partire.
Rafael
Rafael

Messaggi : 814
Data d'iscrizione : 21.12.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.