Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Importante scoperta sul ruolo del fattore cellulare SAMHD1

Andare in basso

Importante scoperta sul ruolo del fattore cellulare SAMHD1  Empty Importante scoperta sul ruolo del fattore cellulare SAMHD1

Messaggio Da Gex Gio 30 Giu - 15:44


I ricercatori della Case Western Reserve University School of Medicine hanno scoperto un fattore cellulare che funziona per inibire l'infezione da HIV nelle cellule mieloidi, un sottogruppo di globuli bianchi che riescono a visualizzare gli antigeni e quindi sono importanti per la risposta immunitaria dell'organismo contro il virus e altri agenti patogeni .

Il fattore cellulare chiamato SAMHD1, e' parte dell'acido nucleico nel sistema immunitario dell'organismo.
Questo preserva le cellule evitando di attivare la risposta immunitaria verso i propri acidi nucleici, evitando così alcune forme di autoimmunità.

Il fattore SAMHD1, come hanno scoperto, può anche interferire con l'infezione delle cellule mieloidi, macrofagi e le cellule dendritiche, verso il virus HIV-1 e correlati virus dell'immunodeficienza.

SAMHD1 previene la sintesi di copie del virus in queste cellule, secondo una ricerca condotta da Jacek Skowroński, PhD, professore presso il Dipartimento di Biologia Molecolare e Microbiologia e membro del Centro per la Ricerca sull'AIDS del Case Western Reserve University School of medicina.

I risultati sono pubblicati sul numero del 30 giugno di Nature con il Dr Skowroński come autore senior dello studio. La ricerca è stata condotta nel suo laboratorio presso la Case Western Reserve in collaborazione con un gruppo di ricerca guidato da Michael P. Washburn, PhD, presso il Stowers Institute for Medical Research di Kansas City.


Questo numero di Nature presenta anche un rapporto indipendente di un team di ricerca francese guidato da Monsef Benkirane, PhD, che identifica SAMHD1 come un fattore che limita la crescita del virus HIV nelle cellule mieloidi. La ricerca chiarisce altri punti su come il sistema immunitario delle persone infette da HIV,reagisce all'infezione, e come l'HIV riesce ad eludere la risposta del sistema immunitario.

"L'identificazione di SAMHD1 e la sua funzione può aiutare a spiegare perché alcuni individui infetti possono controllare l'infezione da HIV meglio di altri," dice il Dott. Skowroński.

"In ultima analisi, potrebbe anche fornire una base per concepire nuove terapie e approcci terapeutici per bloccare l'infezione da HIV e / o la sua replica in individui infetti, e per stimolare la propria risposta immunitaria dell'organismo al virus HIV."

Prima di questa ricerca si riteneva che la funzione di SAMHD1 fosse solo quella di prevenire l'attivazione inadeguata della risposta anti-virale, attraverso una classe di antivirli naturali come l' interferone, in assenza di infezioni virali.

Ma le mutazioni in SAMHD1, così come in altri due geni cellulari che codificano le nucleasi, TREX1 e RNAse H2, puo' causare una condizione chiamata Acairdi-Goutières (AGS).

La condizione imita infezione virale congenita, e produce interferoni ad opera del sistema immunitario, in assenza di virus.
SAMHD1 e le altre proteine che causano l' AGS, lavorano nelle cellule per smaltire i detriti cellulari di acido nucleico, prevenendo così l'attivazione dell' interferone.

Nello studio presentato su Nature, i ricercatori guidati dal dottor Skowroński hanno scoperto che, oltre a prevenire inappropriati risposte autoimmuni, come quelli visti in AGS, SAMHD1 possiede la capacità di inibire l'infezione nelle cellule mieloidi dell' HIV interferendo con la produzione di acidi nucleici virali.

Attraverso questa azione SAMHD1 pero' può impedire l'attivazione di una risposta immunitaria efficace per virus dell' HIV-1 negli individui infetti, dice il Dott. Skowroński.

La ricerca mostra anche come i virus delle scimmie HIV-2 e della relativa immunodeficienza (SIVsm / mac) sono in grado di superare il meccanismo di protezione all'interno delle cellule mieloidi utilizzando il VPX che codificano proteine in grado di utilizzare SAMHD1, permettendo così all'infezione di progredire.

È interessante notare, che i virus che possiedono VPX, come l'HIV-2, sono patogeni molto meno dell' HIV-1. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che l' essere in grado di infettare le cellule mieloidi, provoca una risposta immunitaria molto piu robusta rispetto all'HIV-1, dice il Dott. Skowroński.

Di conseguenza, «Ci si potrebbe aspettare che la manipolazione di SAMHD1 in presenza di HIV-1 potrebbe portare a una più robusta risposta immune verso questo virus", secondo il dottor Skowroński.

Andando avanti, i ricercatori si concentrano su una migliore comprensione del percorso molecolare che SAMHD1 utilizza, per inibire l'HIV-1.
Analogamente, si cerca inoltre di capire di più su come SAMHD1 porti allo sviluppo di AIDS in individui infetti da HIV, dice il Dott. Skowroński.


Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.