Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Mycobioma e Bacterioma orale di Hiv +, manca Pichia

Andare in basso

Mycobioma e Bacterioma orale di Hiv +, manca Pichia Empty Mycobioma e Bacterioma orale di Hiv +, manca Pichia

Messaggio Da Gex Lun 24 Ott - 7:08

Una ricerca americana ha studiato il Mycobioma e Bacterioma (flora micotica e batterica del cavo orale o altri siti) di Hiv +.
Dalla ricerca e' emerso che la distruzione e lo squilibrio di questi preziosi batteri puo portare a malattie, in particolare un fungo della famiglia dei lieviti, Pichia puo' aiutare a inibire lo sviluppo della Candida orale.

23 Ottobre 2011 (Boston, Massachusetts) -

Usando il nucleo mycobiome e bacteriome orale di pazienti affetti da HIV e individui di controllo, i ricercatori della Cleveland Clinic in Ohio hanno dimostrato che Pichia , un genere della famiglia dei lieviti , inibisce la Candida dalla formazione di biofilm, suggerendo che i cambiamenti nel microbiota orale in modo significativo sulla salute umana e le malattie.

Mahmoud Ghannoum, PhD, direttore del centro di micologia medica e professore alla Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland, Ohio, ha riportato questi risultati in una conferenza stampa alla 49a riunione annuale delle malattie infettive della Society of America (IDSA) .

Ha detto che questa conoscenza potra' facilitare lo sviluppo di nuove strategie per gestire le candidiasi nei pazienti immunocompromessi con infezione da HIV e le altre.

Il microbioma e' composto da comunità microbiche in siti in tutto il corpo, ha spiegato il dottor Ghannoum. La componente batterica è stata descritta da funghi, virus e altri microbi nei medesimi campioni.

I microbi in bocca sono stati collegati alle infezioni orali e orofaringee, come carie, parodontiti, e tonsillite, e a condizioni sistemiche, come le malattie cardiovascolari, il diabete e polmonite.

Per definire sano il microbioma orale fungino, chiamata "mycobiome," il Dott. Ghannoum ha reclutato 20 soggetti sani non fumatori, non diabeticidi 21-60 anni (8 donne).

Un campione del microbiota orale è stato raccolto in una soluzione salina sterile utilizzando il risciacquo per 1 minuto.

Il DNA è stato estratto dalle cellule ottenute dal risciacquo, e le sequenze presenti di una vasta gamma di funghi sono stati amplificati da reazione a catena della polimerasi, in sequenza, e confrontati con il database GenBank.

I ricercatori hanno individuato 74 generi di funghi coltivabili e 11 non coltivabili nei campioni , che comprende 101 specie identificate.

Tra le 9 e le 23 specie sono state identificate in ogni individuo, con 15 generi presenti in almeno il 20% dei soggetti. Le specie della Candida sono state isolate dal 75% dei soggetti, seguita da Cladosporium (65%), Aureobasidium e Saccharomycetales (50% per ciascuno), Aspergillus (35%), Fusarium (30%), e Cryptococcus (20%).

Il Dr. Ghannoum ha notato che 4 di questi generi predominanti contenere agenti patogeni umani conosciuti.

Da questi risultati, il dott Ghannoum ha concluso che nei soggetti sani, il mycobiome orale contiene una varietà di specie fungine in 85 generi, alcuni dei quali ci si aspettava, come la Candida , e altri no come ( Aspergillus , Fusarium e Cryptococcus specie) .

Un terzo non erano coltivabili, e ci fu grande variazione nella flora fungina tra gli individui.

I ricercatori hanno allora deciso di cercare per i cambiamenti nella microbioma orale e per definire le interazioni microbiche negli individui infetti da HIV.

Sono riusciti a lavare i campioni orali da 12 adulti infetti e 12 individui affetti da HIV senza segni di malattia della mucosa orale. Hanno anche raccolto informazioni demografiche, circa i farmaci, la carica virale, conta delle cellule CD4, e informazioni sullo stato del fumo.

I Criteri di esclusione sono stati l'uso recente di antibiotici o steroidi per uso topico o sistemico, la gravidanza e diabete insulino-dipendente.

Il Dr. Ghannoum ha riferito che il range numerico di taxa batterici rilevato nel infezione da HIV (da 9 a 14) e non infetti da HIV (8 a 14) sono risultati simili.

Tuttavia, i generi più diffusi differivano - Prevotella , Streptococcus e Rothia sono state trovate nel primo, e Fusobacterium , Prevotella e Streptococcus sono stati trovati in queste ultime. Confrontando l'abbondanza di organismi tra i 2 gruppi, Haemophilus e Serratia sono stati elevati nel gruppo non infetti, e Veillonella , Fusobacterium e Porphyromonas sono stati elevati nel gruppo con infezione da HIV.

I 2 gruppi hanno condiviso 13 di 14 generi nella loro bacteriomes nucleo orale.

Il Mycobiome orale con infezione da HIV

Quando i ricercatori hanno determinato la presenza di funghi per via orale, hanno trovato che c'è stato un cambiamento nel mycobiome. Entrambi i gruppi hanno in comune la presenza di Candida e Penicillium . Ma mentre gli individui non infetti vi erano relativamente più Pichia , Cladosporium e Fusarium , i sieropositivi gruppo ha avuto più Alternaria , Epicoccum e Trichosporon .

È importante sottolineare che la presenza di Pichia e' correlata con l'assenza di Candida , e viceversa,ha detto il Dott. Ghannoum .

Nei soggetti non infetti, Pichia rappresentato circa il 17% del mycobiome, ma nessuno è stato trovato in individui affetti da HIV. Inoltre, Candida era molto più abbondante nel gruppo di infetti (61%) rispetto ai non infetti uno (37%).

I ricercatori hanno ipotizzato che Pichia inibisce Candida crescita, per cui la presenza di Candida nel biofilm vi e' in assenza di Pichia , utilizzando supporti da Penicillium come controllo.

Sono monitorati gli effetti di architettura biofilm utilizzando la microscopia confocale a scansione laser. Hanno confermato un effetto di Pichia sulla formazione di biofilm di Candida ( P = 0,019 vs biofilm non trattato), ed ha trovato che l'effetto era specifico per Pichia .

Il Dr. Ghannoum ha concluso che la caratterizzazione del nucleo mycobiome orale e bacteriome in individui HIV-infetti e non infetti, per la prima volta, sostiene "l'idea che i cambiamenti nel microbiota orale può avere un impatto significativo sulla salute umana e le malattie.

" Ha predetto che "la scoperta delle interazioni tra Pichia e Candida potrebbe portare allo sviluppo di nuovi modi per controllare la Candida nei pazienti con HIV, e anche in altri

Tuttavia, ha informato che i risultati sono nelle fasi iniziali, sono associazioni e non provare la causalità, e devono essere convalidati come parte del processo di determinazione come possono essere sfruttate per il beneficio.

Non c'era il supporto commerciale per lo studio. Dr. Ghannoum e il Dr. Relman hanno rivelato alcuna relazione finanziaria rilevante.

Malattie infettive Society of America (IDSA) 49 Assemblea: Abstract 786. Presentato 21 Ottobre 2011.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.