Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

E' vicina la fine per l'AIDS?

Andare in basso

E' vicina la fine per  l'AIDS? Empty E' vicina la fine per l'AIDS?

Messaggio Da Gex Sab 4 Giu - 19:36

Curato con il trapianto del midollo osseo, Timothy Ray Brown è diventato un'icona di ciò che potrebbe essere la prossima fase della pandemia dell' AIDS: ossia la sua fine.

Per i medici che lo avevano in cura , Timothy Ray Brown è stato un vero salto nel buio. Un sieropositivo americano che è stato curato da un unico tipo di trapianto di midollo osseo, l'uomo conosciuto come "il paziente Berlino" è diventato un'icona di speranza per la prossima fase della pandemia AIDS: la sua fine.
Molti sono stati i progressi scientifici contro l' HIV da quando è stato scoperto circa 30 anni fa: il virus non è più una condanna a morte. Grazie ai test che rilevano l'HIV precocemente e ai nuovi farmaci antiretrovirali, siamo in grado di controllare il virus per decenni, e inoltre, grazie a diverse modalita', siamo in grado di impedire la diffusione dell'hiv, 33,3 milioni di persone in tutto il mondo riescono a vivere con l'HIV.

Persone come Vuyiseka Dubula, un attivista HIV-positiva e la madre a Città del Capo, Sud Africa, può aspettarsi una vita relativamente normale. "Non sto pensando alla morte ", dice. "Sto facendo la mia terapia e sto vivendo la mia vita."

Tuttavia, nel 30 ° compleanno del virus HIV, la comunità scientifica mondiale sta cercando, con rinnovato vigore un modo per tentare di ucciderlo. Il problema è in parte scientifico, ed in parte finanziario.I trattamenti per i pazienti HIV positivi con farmaci sofisticati sta diventando insostenibile per i vari governi.
Prendersi cura dei pazienti HIV nei Paesi in via di sviluppo costa circa 13 miliardi di dollari l'anno e potrebbe triplicare nei prossimi 20 anni.

In tempi di crisi economica, la necessità di trovare una cura diviene ancora più urgente, dice Francoise Barré Sinoussi, che ha vinto il premio Nobel per il suo lavoro per identificare il virus dell'immunodeficienza umana. "Dobbiamo pensare a lungo termine, compresa una strategia per trovare una cura," dice. "Dobbiamo continuare a cercare fino a quando non ne troveremo una".

Il paziente di Berlino è la prova che possiamo farlo. Il suo caso ha iniettato nuova energia in un campo in cui la gente per anni ha creduto che parlare di una cura era una cosa da irresponsabili.

La cura pero' ha funzionato.

Timothy Ray Brown viveva a Berlino, quando oltre ad essere sieropositivo, ha avuto una ricaduta di leucemia e stava morendo.
Nel 2007, il suo medico, Gero Huetter, ha fatto una proposta radicale: un trapianto di midollo osseo utilizzando cellule da un donatore con una mutazione genetica rara, nota come CCR5 delta 32. Gli scienziati sapevano da anni che le persone con questa mutazione genetica si era dimostrata resistente al virus HIV.

"Non sapevamo, quando abbiamo iniziato questo progetto, cosa sarebbe successo", dice Huetter, un oncologo ed ematologo che ora lavora presso l'Università di Heidelberg in Germania meridionale.
Il trattamento poteva uccidere Brown.
Invece lui rimane l'unico essere umano ad essere guarito dall'AIDS. "Non ha nessuna replica virale e non necessita di prendere nessun farmaco per l'hiv.
Ad oggi non ha mai avuto alcun problema con l'HIV", dice Huetter. Brown si è trasferito a San Francisco.

Molti esperti dicono che è inconcepibile un trattamento come quello di Brown per poter curare tutti i pazienti.
La procedura è stata costosa, complessa e rischiosa.
Per fare questo su altri, bisognerebbe trovare dei donatori con una corrispondenza esatta , e purtroppo sono una percentuale minima di persone - la maggior parte di questi sono di discendenza del nord europa -e hanno una mutazione che li rende resistenti al virus.

Il Dr Robert Gallo, dell'Istituto di Virologia presso l'Università del Maryland, lo dice senza mezzi termini. "Questo sistema non è pratico e può uccidere le persone", ha detto l'anno scorso.

Sinoussi è più morbida: "E 'chiaramente irrealistico pensare che questo metodo , estremamente costoso, e poco riproducibile, possa essere riprodotto in scala ... ma dal punto di vista di scienziato, ha dimostrato che almeno una cura è possibile".

L'International AIDS Society di questo mese formalmente aggiunge l'obiettivo di trovare una cura alla sua strategia di prevenzione dell'HIV, trattamento e cura.

Un gruppo di scienziati-attivisti sta anche lanciando un gruppo globale di lavoro per elaborare un piano scientifico di attacco e per persuadere i governi e le istituzioni di ricerca per impegnare maggiori fondi. Il denaro comincia a circolare.
La US National Institutes of Health sta chiedendo di presentare delle proposte innovative da sovvenzionare con 8,5 milioni dollari per la ricerca di una cura, e la Fondazione per la ricerca sull'AIDS, o amfAR, ha appena annunciato la sua prima serie di quattro aiuti ai gruppi di ricerca "per sviluppare strategie di eradicare dell'infezione da HIV ".

Il costo del trattamento
Fino a poco tempo, le persone con HIV e AIDS temevano che a causa dei fondi diretti verso la ricerca di una cura si rischiava di non mettere in trattamento le persone HIV-positive.
Ancora oggi, solo poco più di cinque milioni dei 12 milioni circa di persone che hanno bisogno dei farmaci effettivamente li ottiene.

L'HIV è comparso prima del 1981, quando gli scienziati del US Centers for Disease Control and Prevention henno scoperto che era la causa della sindrome dell' immunodeficienza acquisita.
Un articolo del CDC e un rapporto settimanale di mortalità di quel giugno parla di "cinque giovani, tutti gli omosessuali attivi" di Los Angeles come i primi casi documentati. "Era l'estate del '81. Per il mondo era l'inizio dell'era HIV / AIDS, anche se non sapevo ancora cosa fosse allora l'HIV", afferma Anthony Fauci, direttore del US National Institute of Allergy and Le malattie infettive, che ha fatto la ricerca sull'AIDS il lavoro della sua vita.

Nei successivi tre decenni, la malattia definita in maniera ignorante come "la peste dei gay"è diventata una delle pandemie più feroci nella storia umana. Trasmesso attraverso lo sperma, il sangue e il latte materno, l'HIV ha devastato le regioni più povere, soprattutto dell'Africa sub-sahariana, dove vive la stragrande maggioranza delle persone sieropositive.
Grazie ai test e ai numerosi trattamenti che si sono resi disponibili, il numero di nuove infezioni è in calo. Ma per ogni due pazienti con HIV che hanno avuto la possibilità di avere i farmaci contro l'AIDS, altri cinque si aggiungono alla lista dei "contagiati".
I dati delle Nazioni Unite indicano che, nonostante una serie di misure di prevenzione possibili - dalla circoncisione maschile al sofisticato gel microbicida vaginale o anale - oltre 7.100 nuove persone vengono catturare dal virus, ogni giorno.

La spesa per la cura per paziente può variare da circa $ 150 in un anno nei paesi poveri, dove i farmaci sono disponibili come generici a buon mercato, a più di 20.000 dollari l'anno negli Stati Uniti.

Le somme complessive sono enormi. Un recente studio, come parte di una campagna non governativa chiamata AIDS2031 suggerisce che i paesi a basso e medio reddito, avranno bisogno di 35 miliardi di dollari l'anno per affrontare adeguatamente la pandemia entro il 2031. Che è quasi tre volte il livello attuale di circa 13 miliardi dollari l'anno. Aggiungiamo i costi per il trattamento nei paesi ricchi e gli esperti stimano fra 20 anni che si raggiungeranno tra i 50 ai 60 miliardi di dollari l'anno.

"E 'chiaro che dobbiamo guardare a un altro possibile modo di gestire l'epidemia al di là del semplice trattare tutti per sempre", dice Sharon Lewin, un medico ricercatore nel campo Hiv, presso la Monash University di Melbourne, Australia.

I primi farmaci contro l'AIDS, come l'AZT sono venuti sul mercato alla fine del 1980, ma nel giro di un decennio sono stati superati dai trattamenti cocktail noti come HAART, o trattamento antiretrovirale altamente attivo. La HAART ha avuto un effetto drammatico - eliminando il virus dal sangue dei pazienti ha spinto alcuni a dire che la cura era proprio dietro l'angolo.

Ma poi gli scienziati hanno scoperto l'HIV si nasconde nei rervoirs e vi sono dei serbatoi di infezione latente che anche i potenti farmaci non potevano raggiungere. Fu cosi' che parlare di una cura, fu fuori luogo.

"Scientificamente non avevamo modo di dire che eravamo sulla strada per trovare una cura", spiega Bertrand Audoin, direttore esecutivo della sede a Ginevra International AIDS Society. "Gli scienziati ... non vollero fare promesse fasulle. Non si volle parlare piu di una cura, perché in realtà non era nemmeno all'orizzonte."

La terapia genica
L'obiettivo finale dovrebbe permettere ai pazienti di interrompere l'assunzione di farmaci contro l'AIDS, battendo un buco in un mercato di 12 miliardi dollari all' anno dominato dalla casa farmaceutica californiana Gilead, di Pfizer, GlaxoSmithKline e Merck.

E 'improbabile che accada presto, ma il caso di Brown ha aperto le porte a nuove idee. "Che cosa è stato dimostrato che se si rendono le cellule di qualcuno resistenti al virus HIV ... poi tutti gli ultimi pezzi di HIV, che rimangono in giro per un lungo periodo nei pazienti in trattamento, vanno in decadimento e scompaiono", dice Lewin.

Ora gli scienziati che lavorano mimando l'effetto del trapianto del paziente di Berlino hanno avuto un certo successo. Una tecnica sperimentale utilizza la terapia genica per estrarre alcune cellule, le rendono resistenti al virus HIV e poi le rimettono nei pazienti nella speranza che possano sopravvivere e diffondersi.

Ad una conferenza a Boston sull' HIV all'inizio di quest'anno, i ricercatori americani hanno presentato i primi dati su sei pazienti che avevano un gran numero di globuli bianchi conosciuti come cellule CD4-rimosse, manipolate per mettere fuori uso i geni CCR5 esistenti, e quindi sostituirli.

"Funziona come delle forbici che tagliano un pezzo di informazione genetica del DNA, e quindi chiudono il gap", dice Huetter. "Allora ogni cellula derivante da questa cellula madre ha questa stessa mutazione."

I primi risultati hanno mostrato che le cellule mutate sono riuscite a sopravvivere all'interno dei corpi dei pazienti a livelli bassi, rimanendo presente per più di tre mesi in cinque di loro.
"Questa è stata una prova di concetto", dice Lewin.

Un'altra strada potenziale è un piccolo gruppo di pazienti noti come "controllori elite", che pur essendo infetti da HIV sono in grado di tenerla sotto controllo semplicemente con i propri sistemi immunitari. I ricercatori sperano che questi pazienti potrebbero un giorno essere la chiave per lo sviluppo di un vaccino contro l'HIV / AIDS o una cura funzionale.

Gli scienziati stanno inoltre studiando un modo per "risvegliare" le cellule HIV e di ucciderle. Come scoperto alla fine del 1990, l'HIV ha un modo di entrare in profondità nel sistema immunitario stesso - in ciò che sono note come cellule T di memoria dormienti - e di andare a nascondersi li'.
Cosi' nascosto, evita efficacemente i farmaci e la risposta immunitaria del corpo ospite.

"Una volta che va in letargo in una cellula può rimanere lì per sempre, e questo è davvero il motivo principale per cui non siamo in grado di curare l'HIV con i farmaci attuali», dice Lewin.
Il suo team a Melbourne e un altro gruppo negli Stati Uniti, stanno per iniziare le prime sperimentazioni umane usando un farmaco chiamato SAHA o vorinostat, con la Merck che attualmente sono utilizzati nel trattamento del cancro. Questi farmaci hanno dimostrato di essere in grado di svegliare i dormienti HIV.

Che dire della prevenzione?
Come gli scienziati cominciavano a parlare di una cura, tornava a galla una vecchia questione e cioe' se questo è l'obiettivo giusto. Seth Berkley, un epidemiologo medico e capo della statunitense International AIDS Vaccine Initiative è molto interessato a questo obiettivo.

"Dal punto di vista della scienza, è una cosa fantastica da realizzare. E 'un grande traguardo e molte cose nuove saranno scoperte. Ma dal punto di vista della salute pubblica, la cosa principale che devi fare è fermare il flusso di nuovi infezioni ", afferma Berkley. "Abbiamo bisogno di una fortissima prevenzione. Questo è assolutamente fondamentale".

Vuyiseka Dubula e' d'accordo. L'attivista sudafricano trova che parlare di una cura per l'HIV sia una grande distrazione, per un certo punto di vista, quasi sconcertante.
"Questa ricerca potrebbe non dare risultati nel breve tempo, e anche quando ci saranno, l'accesso a tale cura sara' ancora un grande problema per moltissimi", dice. "Così nel frattempo, mentre noi non abbiamo la risposta sulla questione se l'HIV può essere curato o no, abbiamo bisogno di salvare vite umane ".
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.