Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Bassi CD4 Aumentano rischio di frattura

Andare in basso

Bassi CD4 Aumentano rischio di frattura Empty Bassi CD4 Aumentano rischio di frattura

Messaggio Da Gex Gio 28 Apr - 21:47

I pazienti hiv positivi che hanno bassi CD4 hanno un rischio molto piu alto di fratture dovute a fragilità ossea, rispetto a queli con CD4 più elevati, e' quello che e' emerso da uno studio pubblicato online il 23 April sul Journal of Acquired Immune Deficiency Syndromes.
Molti studi hanno documentato che i sieropositivi hanno una bassa densità minerale ossea e questo accade anche quando sono più giovani in confronto ai loro omologhi HIV-negativi. Una delle ragioni è il fatto che le persone con HIV hanno spesso una varietà di fattori di rischio per problemi di ossa: ad esempio sono più propensi a fumare, ad essere sottopeso e a prendere farmaci contenenti corticosteroidi e altri farmaci che riducono la densità minerale ossea.
Inoltre anche prendere farmaci antiretrovirali (Haart) che danneggiano le ossa, come il fumarato (Viread, Truvada e Atripla).
Alcuni studi hanno trovato, però, che l'HIV aumenta il rischio di anomalie delle ossa anche in assenza di altri fattori di rischio.
Una delle conseguenze della bassa densità ossea è l'aumentato rischio di fratture ossee, in particolare da cadute accidentali che in persone sane non provocano fratture, le cosiddette fratture da fragilità.
Anche se alcuni studi hanno suggerito che le persone con HIV hanno un più alto rischio di fratture da fragilità, non e' ancora chiaro quanto il contributo specifico del virus HIV o di altri fattori sia determinante.
Per fare un po di chiarezza, Michelle Yong, MPH, all' Alfred Hospital di Melbourne, ei suoi colleghi hanno esaminato le cartelle cliniche di 2.424 persone HIV-positive che hanno ricevuto cure presso l'Ospedale tra il gennaio 1998 e giugno 2009. E' stato scoperto che ci sono state 71 fratture da fragilità in 61 partecipanti allo studio in questo periodo.
L'età media di quelli con fratture era di 50 anni , ma ben oltre la metà erano più giovani di 50 e il 20 per cento aveva meno di 39 anni, che è un' eta' insolita per una frattura da fragilità nelle persone HIV-negative. La stragrande maggioranza dei partecipanti erano maschi bianchi. L'ottantotto per cento aveva una precedente diagnosi di bassa densità minerale ossea prima della frattura: il 32 per cento con osteopenia-una forma più lieve di perdita di osso mentre il 56 per cento con osteoporosi più grave.
Dopo aggiustamento per altri fattori, come peso, età e razza, Yong ed i suoi colleghi hanno trovato che una conta di CD4 inferiore a 200 ha aumentato il rischio di fratture da fragilità quasi di cinque volte.
I due altri fattori di rischio importanti sono stati l'uso di corticosteroidi e l'uso dei farmaci anti-epilettici. Contrariamente a precedenti studi, essere sottopeso non era un fattore di rischio per fratture da fragilità, né l'uso di farmaci antiretrovirali.
Anche se lo studio ha delle limitazioni, lo studio potrebbe dare risultati ancora piu interessanti se si fosse preselezionato un gruppo di persone e se questo gruppo fosse seguito nel corso del tempo, piuttosto che considerare solo le fratture che si erano gia verificate, anche se questo e' il più grande studio di questo tipo circa le fratture da fragilità ossea nelle persone con HIV.
Lo studio è anche l'unica prova di un aumentato rischio di fratture, nelle persone con bassi CD4.


Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.