Forum Hiv
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

Terapia per HCV ostacola Haart

Andare in basso

Terapia per HCV  ostacola Haart Empty Terapia per HCV ostacola Haart

Messaggio Da Gex Sab 15 Ott - 7:56

Una variante del gene che aiuta il trattamento dell'epatite C può ostacolare il trattamento dell'HIV

NUOVI TRATTAMENTI SPERIMENTALi
Gus Cairns
Data di pubblicazione: 14 Ott 2011

Una variante comune in un gene che raddoppia le possibilità di trattamento dell'epatite C nelle persone con coinfezione da HIV può portare a quasi il doppio il rischio di morte nei pazienti trattati con terapia antiretrovirale.

Uno studio condotto in Polonia ha trovato che i pazienti con la variante del cosiddetto 'CC' del sito rs 1979860 con mutazione del gene IL28B avevano l' 80% in più di probabilità di morire durante il follow-up rispetto ai pazienti con le altre due possibili varianti, CT e TT (il lettere si riferiscono alle basi particolari, citosina e timina, in quel punto la molecola di DNA).

L' Interleuchina (IL) 28B è anche chiamata interferone lambda ed appartiene alla famiglia di immunomodulatori naturali nella lotta contro virus grazie a sostanze chimiche prodotte dal corpo.
L' interferone alfa Sintetico (nella sua forma più potente pegilato) è la terapia standard per l'epatite C e il lambda interferone è già stato provato per produrre risultati simili con minori effetti collaterali come il trattamento dell'epatite C.

Nel 2009 gli scienziati hanno scoperto che i pazienti infetti da epatite C e HIV che non possedevano la variante CC del gene IL28B erano molto più probabile per eliminare l'epatite C dal corpo e ottenere una risposta virale sostenuta (SVR) nel trattamento dell'epatite C.

Negli studi iniziali, chi aveva il gene aveva un miglioramento di sette volte in piu nella risposta al trattamento in nelle persone mono-infettate .

La differenza era minore nelle persone con co-infezione da HIV , la variante CC ancora raddoppiato la probabilità di successo del trattamento, almeno nei pazienti con epatite C genotipo 1 e 4 , il più difficile da trattare.

I test per il gene IL28B sono stati inclusi in alcuni saggi per il pre-trattamento dell' epatite C .

I Ricercatori del Medical University di Pomerania Szczecin, in Polonia, hanno deciso di vedere se qualche variante IL28B è stata associata con le risposte alla terapia in anticipo all'HIV,Milosz Parczewski ha detto alla conferenza, che la variante CC potrebbe avere effetti altrettanto benefici.

Ma purtroppo hanno trovato il contrario.

I ricercatori hanno preso i dati longitudinali sulla mortalità in 484 pazienti, l'84% dei quali ha iniziato la terapia antiretrovirale durante il follow-up (che ha seguito la gente fino a dieci anni) e ha fatto un test del genotipo su campioni di sangue conservati.

Essi hanno scoperto che 202 (42%) dei pazienti ha avuto la variante CC, una cifra coerente con altri studi, il 46% la variante CT e il 12% la variante TT.

Non c'era alcuna associazione statisticamente significativa tra tutte le caratteristiche del paziente e il loro genotipo, anche se c'era una tendenza per i pazienti con CC di aver avuto un più alto nadir di CD4.

Durante il follow-up, ci sono stati 84 decessi (circa il 17% dei pazienti), 55 dei quali a causa di AIDS e 29 no.

Ci sono stati morti in proporzione più nei pazienti con genotipo CC, con 46 (23%) dei pazienti con la variante CC morire durante il follow-up rispetto al 38 (13,5%) dei pazienti con CT o TT.

Non c'era alcuna differenza nel tasso di mortalità dei pazienti che non stavano assumendo farmaci antiretrovirali, ma i tassi di mortalità ha iniziato a variare più presto nei pazienti che hanno iniziato la terapia di combinazione. All'analisi univariata, i pazienti in terapia dell'HIV con la variante CC erano 1,8 volte più probabilità di morire rispetto a quelli con la ST o varianti TT, e questa era statisticamente significativa (p = 0,029).

All'analisi multivariata, le caratteristiche solo significativamente associati alla mortalità del paziente sono state il sesso femminile (le donne erano il 64% meno probabilità di morire rispetto agli uomini) e del genotipo CC (persone con quasi il 74% più probabilità di morire, p = 0,048).

Inoltre le persone con una conta CD4 al basale inferiore a 100 cellule / mm 3 hanno l' 80% in più di probabilità di morire, anche se questo significato appena statisticamente significativo (p = 0,051).

Perché potrebbe persone con CC IL28B hanno più probabilità di morire?

I ricercatori polacchi ha scoperto che le persone con la variante TT sono la minoranza e hanno avuto un po 'più bassa carica virale dell'HIV e più alto in assoluto la conta dei CD4, ma non erano in grado di stabilire una differenza tra i pazienti con la variante CC ed altri.

Un fatto interessante è che pur essendo associata a più alti livelli di successo del trattamento dell'HIV, la variante del gene CC è anche associato con un carico virale di HCV superiore e un più alto rischio di cirrosi epatica in soggetti con infezione non eliminata.

Ciò suggerisce che il tipo di interferone lambda potrebbe modulare i processi infiammatori che, come ci è familiare in HIV, causano danni ai tessuti e malattia attraverso sovrastimolazione del sistema immunitario.

Ma perché, se i risultati dello studio polacco vengono replicati, fa solo una differenza in pazienti in terapia antiretrovirale rimane inspiegabile.

Riferimento

Parczewski M et al. IL28B polimorfismi del gene e per tutte le cause di mortalità nei pazienti con infezione da HIV. Tredicesimo congresso europeo AIDS, Belgrado. Astratto PS2 / 3. 2011.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Gex
Gex
Admin

Messaggi : 2565
Data d'iscrizione : 20.12.10

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.